Ricerca avanzata

CIFA. L'anomalia vincente. Dal seme americano al...

back

CIFA. L'anomalia vincente. Dal seme americano al «secolo cinese»

Le vicende storiche, industriali e umane di CIFA presentano caratteri di originalità tali che fanno di questa azienda un interessante caso di studio. Le tappe che ne hanno scandito l'evoluzione tecnologica, riflessa su prodotti e processi, oltre che le inedite soluzioni adottate a livello societario costituiscono un unicum nel panorama internazionale. Dal seme americano, fatto germogliare dal fondatore Carlo Ausenda fin dal 1928, al "secolo cinese" che si è schiuso con l'acquisizione di Zoomlion, la storia di CIFA presenta alcune anomalie che sono probabilmente alla base del suo successo. È assolutamente fuori dagli schemi convenzionali che in un'azienda i fornitori diventino i proprietari, gli ingegneri si "sporchino" le mani in officina, gli operai stimolino l'imprenditore a creare nuovi prodotti, l'outsourcing diventi un modello di business in epoche di predominio del concetto di azienda verticalmente integrata. L'acquisizione della società da parte di Zoomlion, nel 2008, rientra perfettamente in questo scenario di originalità, se si pensa che CIFA era in ottime condizioni, sia economico-finanziarie sia strategiche al momento della cessione. Il processo di integrazione e la contaminazione tecnica e culturale tra acquirente ed acquisita che ne sono seguiti pongono il caso CIFA come best practice. Ciò per la capacità di generare nuovi vantaggi competitivi e caratteristiche distintive uniche, fondendo e valorizzando valori, culture ed esperienze professionali italiane e cinesi.

Dettagli sul libro

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?