Ricerca avanzata

Due storie sporche

Due storie sporche - Bennett Alan - wuz.it

di

Questo volta Alan Bennett ci tuffa in due farse scanzonate e impertinenti. Entriamo così nell'atmosfera briosa di "Mrs Donaldson ringiovanisce", dove una rispettabile vedova di mezza età, dedita al mestiere di simulatrice di malattie in una clinica universitaria, si trova inopinatamente nel ruolo di apprendista voyeur; e poi nell'esilarante girandola di amplessi e ricatti incrociati di "Mrs Forbes non deve sapere", la sorniona pochade familiare dove finiremo per godere del più grande fra i privilegi - quello di scoprire i segreti per primi. Tutto da ridere? Come sempre con Bennett, non proprio. Il nostro "maestro dell'osservazione" guarda il mondo come uno Swift fattosi malinconico e bonario; e con un'ironia mai livida, spesso affettuosa, irride le inibizioni, i convenzionalismi, le piccole miserie delle persone che si dichiarano normali nella loro vita di ogni giorno. Riuscendo anche questa volta, con la sua maliziosa levità, a insinuarsi nella psiche di tutti.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 16 lettori

Il voto della community

0,0
  • Trama
  • Personaggi
  • Stile
  • Incipit
  • Finale
  • Copertina

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • quinlori il 18 mag 2013 19:14 Segnala abuso

    Due farse piccanti e impertinenti:la prima, Mrs Donaldson ringiovanisce, racconta di una rispettabile vedova di mezza età che per mantenersi fa la simulatrice di malattie in una clinica...

    leggi tutto »

    Due farse piccanti e impertinenti:la prima, Mrs Donaldson ringiovanisce, racconta di una rispettabile vedova di mezza età che per mantenersi fa la simulatrice di malattie in una clinica universitaria e affitta una camera a coppie giovani. Avendo difficoltà a pagare l’affitto la prima coppia si offre di far l’amore davanti alla donna che si improvvisa voyeur. Nella seconda , Mrs Forbes non deve sapere, il bel Graham Forbes decide di sposare una donna meno bella di lui e più vecchia. La vita matrimoniale non sembra male, ma Graham continua a frequentare uomini....... Bennett, con ironia affettuosa, irride le inibizioni,i convenzionalismi,l’ipocrisia e le piccole miserie di persone che si dichiarano normali nella vita di tutti i giorni e invece nascondono piccoli segreti. Il ritratto di una società vittoriana dei nostri giorni.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Il titolo originale del nuovo romanzo di Alan Bennett è Smut: Two Unseemly Stories, letteralmente Oscenità. Due storie sconvenienti. Certamente un titolo più rivelativo di quello scelto per l’edizione italiana, Due storie sporche. Rivelativo innanzitutto perché ci spinge a riflettere sul significato della parola oscenità, su cosa sia osceno. E di conseguenza sul concetto di pudore sessuale. La copertina, poi, con quella serratura grigia su sfondo giallo è un vessillo del voyeurismo. Nelle due storie di Alan Bennett il sesso sembra essere al centro delle dinamiche. In Mrs Donaldson ringiovanisce, una donna cinquantenne, rimasta vedova, per arrotondare le sue entrate e per vincere la solitudine trova un impiego in un ospedale come finta malata nelle simulazioni dei tirocinanti. Dovrà recitare la parte dell’ammalata, ogni volta un quadro clinico diverso, e farsi visitare dai giovani medici. Allo stesso tempo decide di affittare una stanza della sua casa a due studenti universitari che quando si trovano in difficoltà con l’affitto le propongono una soluzione sostitutiva. Diventa così una voyeur. In Mrs Forbes non deve sapere i commedianti si trovano rimangono coinvolti in una catena di segreti e ricatti a sfondo sessuale. Come abbiamo detto prima, il sesso, nelle sue spirali più oscene sembra essere il motore delle due vicende. Ma solo apparentemente, perché in realtà sono il non detto, la percezione della sconvenienza e di conseguenza l’occultamento, i segreti inconfessati o meglio inconfessabili, i veri motivi dell’intreccio narrativo di Bennett. Mentre si scopre come principale il tema dell’inconfessabilità delle proprie pulsioni sessuali, allora scade anche il livello di sconvenienza. I personaggi delle due storie perpetuano due tipologie di inganno, nei confronti di loro stessi e nei confronti della società, mirando a tenere in vita aspettative morali e sociali. Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(16)

Tutti i lettori

Biografia

Bennett Alan
Bennett Alan

Alan Bennett è nato a Leeds, nello Yorkshire, il 9 maggio 1934. Il padre era macellaio, la... leggi tutto