Ricerca avanzata

L' arte della gioia

L' arte della gioia - Sapienza Goliarda - wuz.it

di

"L'arte della gioia" è un libro postumo: giaceva da vent'anni abbandonato in una cassapanca e, dopo essere stato rifiutato da molti editori, venne stampato in pochi esemplari da Stampa Alternativa nel 1998. Ma soltanto quando uscì in Francia ricevette il giusto riconoscimento. Nel romanzo tutto ruota intorno alla figura di Modesta: una donna vitale e scomoda, potentemente immorale secondo la morale comune. Una donna siciliana in cui si fondono carnalità e intelletto. Modesta nasce in una casa povera ma fin dall'inizio è consapevole di essere destinata a una vita che va oltre i confini del suo villaggio. Ancora ragazzina è mandata in un convento e successivamente in una casa di nobili dove, grazie al suo talento e alla sua intelligenza, riesce a convertirsi in aristocratica attraverso un matrimonio di convenienza. Tutto ciò senza smettere di sedurre uomini e donne di ogni tipo. Amica generosa, madre affettuosa, amante sensuale: Modesta è una donna capace di scombinare ogni regola del gioco pur di godere del vero piacere, sfidando la cultura patriarcale, fascista, mafiosa e oppressiva in cui vive. "L'arte della gioia" è l'opera scandalo di una scrittrice. È un'autobiografia immaginaria. È un romanzo d'avventura. È un romanzo di formazione. Ed è anche un romanzo erotico, e politico, e psicologico. Insomma, è un romanzo indefinibile.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 7 lettori

Il voto della community

8,6
  • Trama 9,5
  • Personaggi 9,5
  • Stile 9,0
  • Incipit 9,5
  • Finale 9,5
  • Copertina 4,5

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • Paturnie il 20 giu 2014 16:23 Segnala abuso

    Quello fuoriuscito dalla penna di Goliarda Sapienza è uno dei personaggi letterari più affascinanti di tutti i tempi. Mentre la Storia tesse le sue vicende (il romanzo attraversa buona parte del...

    leggi tutto »

    Quello fuoriuscito dalla penna di Goliarda Sapienza è uno dei personaggi letterari più affascinanti di tutti i tempi. Mentre la Storia tesse le sue vicende (il romanzo attraversa buona parte del Novecento), Modesta coltiva la propria indipendenza da costumi e convenzioni, che siano sociali, culturali o morali. Modesta uccide e ferisce, condanna e assolve. Non ci sono indecisioni e non c'è rimorso. Modesta è l'autarchia, la libertà e l'amoralità. Il romanzo della Sapienza è un elogio dell'emancipazione attraverso la cultura ma, soprattutto, è un'apologia dell'amore libero. Più che di una trama vera e propria si potrebbe parlare di una fitta galleria di personaggi che ruotano intorno alla figura centrale di Modesta e in lei rivivono e si arricchiscono, pagina dopo pagina. Difficile rispondere alla domanda su quale sia, in fin dei conti, l'arte della gioia. Certamente la ricetta di Modesta è quella di amare senza inibizioni. Lo stile, retorico e assolutamente inusuale, si caratterizza per i sorprendenti passaggi dalla prima alla terza persona e per i tanti dialoghi che, spesso e volentieri, si tramutano in battute da pièce teatrale. Un romanzo ammaliante, insomma, per lettori che non hanno smesso di meravigliarsi.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(7)

Tutti i lettori

Biografia

Sapienza Goliarda
Sapienza Goliarda

Goliarda Sapienza nacque a Catania da famiglia socialista rivoluzionaria. A partire dai sedici... leggi tutto