Ricerca avanzata

Storia della bambina perduta. L'amica geniale. Vol. 4

Storia della bambina perduta. L'amica geniale. Vol. 4 - Ferrante, Elena - wuz.it

di

"Storia della bambina perduta" è il quarto e ultimo volume dell'"Amica geniale". Le due protagoniste Lina (o Lila) ed Elena (o Lenù) sono ormai adulte, con alle spalle delle vite piene di avvenimenti, scoperte, cadute e "rinascite". Ambedue hanno lottato per uscire dal rione natale, una prigione di conformismo, violenze e legami difficili da spezzare. Elena è diventata una scrittrice affermata, ha lasciato Napoli, si è sposata e poi separata, ha avuto due figlie e ora torna a Napoli per inseguire un amore giovanile che si è di nuovo materializzato nella sua nuova vita. Lila è rimasta a Napoli, più invischiata nei rapporti familiari e camorristici, ma si è inventata una sorprendente carriera di imprenditrice informatica ed esercita più che mai il suo affascinante e carismatico ruolo di leader nascosta ma reale del rione (cosa che la porterà tra l'altro allo scontro con i potenti fratelli Solara). Ma il romanzo è soprattutto la storia di un rapporto di amicizia, dove le due donne, veri e propri poli opposti di una stessa forza, si scontrano e s'incontrano, s'influenzano a vicenda, si allontanano e poi si ritrovano, si invidiano e si ammirano. Attraverso nuove prove che la vita pone loro davanti, scoprono in se stesse e nell'altra sempre nuovi aspetti delle loro personalità e del loro legame d'amicizia. Intanto la storia d'Italia e del mondo si srotola sullo sfondo e anche con questa le due donne e la loro amicizia si dovranno confrontare...

Dettagli sul libro
3 recensioni
Nella libreria di 26 lettori

Il voto della community

8,1
  • Trama 8,4
  • Personaggi 8,5
  • Stile 8,4
  • Incipit 7,9
  • Finale 8,3
  • Copertina 7,1

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • librisenzaglo il 04 apr 2018 22:31 Segnala abuso

    Nessuno può giudicare Kill Bill vol.1 senza avere visto Kill Bill vol.2, e viceversa. Del resto chi potrebbe giudicare il tutto da una parte? Qui in realtà l’abbiamo già fatto per il volume n.2...

    leggi tutto »

    Nessuno può giudicare Kill Bill vol.1 senza avere visto Kill Bill vol.2, e viceversa. Del resto chi potrebbe giudicare il tutto da una parte? Qui in realtà l’abbiamo già fatto per il volume n.2 (Storia del nuovo cognome) e n.3 (Storia di chi fugge e di chi resta) della quadrilogia di Elena Ferrante. Ora lo rifacciamo per Storia della bambina perduta, quarto e ultimo volume della tetralogia iniziata con il manifesto di una letteratura L’amica geniale. Lo rifacciamo pur tenendo bene a mente che non si tratta di “quattro puntate”, ma del corpus compatto di un’unica grande saga sull’amicizia (totale complessivo di 496 capitoli). STORIE PERDUTE L’episodio conclusivo di questa lunghissima esperienza letteraria è il meno incisivo di tutti. A ripensarci, ci si domanda come mai nel primo volume della serie la Ferrante si sia dilungata pagine e pagine su un evento perduto nell’infanzia delle due protagoniste (le bambole di pezza inghiottite dal buio di Don Achille). Proprio come se a scriverne fosse stata un’adolescente troppo emotiva. Ce lo ricordiamo perchè ora, in Storia della bambina perduta, la Ferrante dedica appena un capoverso all’arresto e all’interrogatorio subito dalla protagonista. Sembra quasi che un evento di tale portata non sia mai successo per davvero e non ci sia nulla da spiegare in proposito. Sicuramente le esperienze infantili rimangono più impresse di quelle dell’età adulta. Eppure da una penna matura, e impegnata intellettualmente e politicamente, come quella di Elena Greco (alter ego di Elena Ferrante e dunque voce narrante del libro), ci si sarebbe aspettato qualche dettaglio in più su quella maledetta notte. Se ti è piaciuto l'inizio, continua a leggere la recensione sul blog di Libri Senza Gloria: http://librisenzagloria.com/storia-della-bambina-perduta-di-elena-ferrante/

    « chiudi

     
  • sabrinapamela il 16 ago 2016 00:48 Segnala abuso

    La quadrilogia della Ferrante è stata una delle migliori (se non la migliore) scoperta letteraria del mio 2016. Quattro libri che mi hanno tenuto compagnia, personaggi che ho amato e detestato con...

    leggi tutto »

    La quadrilogia della Ferrante è stata una delle migliori (se non la migliore) scoperta letteraria del mio 2016. Quattro libri che mi hanno tenuto compagnia, personaggi che ho amato e detestato con lo stesso calore, un malinconico dispiacere e una tristezza dolente all'arrivo dell'ultima riga, dopo oltre 1600 pagine di Lila e Lenù. E di tutto il loro mondo di cui il lettore si sente parte a pieno titolo. Brava Ferrante.... Chiunque tu sia!!

    « chiudi

     
  • rosatiravento il 19 nov 2014 16:29 Segnala abuso

    Letto tutto d'un fiato! Dovevo scoprire il seguito di una storia che coinvolge, appassiona, diverte. Lina ed Elena sono orami delle amiche, delle quali voglio sapere tutto! Vi consiglio di fare la...

    leggi tutto »

    Letto tutto d'un fiato! Dovevo scoprire il seguito di una storia che coinvolge, appassiona, diverte. Lina ed Elena sono orami delle amiche, delle quali voglio sapere tutto! Vi consiglio di fare la loro conoscenza!

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(26)

Tutti i lettori

Biografia