Ricerca avanzata

Metastasi. Sangue, soldi e politica tra Nord e Sud. La...

Metastasi. Sangue, soldi e politica tra Nord e Sud. La nuova 'ndrangheta nella confessione di un pentito - Nuzzi Gianluigi Antonelli Claudio - wuz.it

Metastasi. Sangue, soldi e politica tra Nord e Sud. La nuova 'ndrangheta nella confessione di un pentito di ,

La Pianura padana come l'Aspromonte. Ormai le 'ndrine controllano il Nord e fanno affari con chiunque. Questo volume offre una prospettiva inedita per capire un fenomeno ormai "vecchio" di trent'anni. Solo che tutti hanno fatto finta di niente. Un esercito di 1500 persone che controlla dagli anni Settanta non solo il traffico di armi e di cocaina ma anche un'importante quota della liquidità lombarda; sì, quella dei salotti buoni, dei politici, dei cavalieri del lavoro, delle camere di commercio, delle amministrazioni locali. Trent'anni di mazzette (e se necessario di omicidi) per ottenere licenze edilizie e controllare una buona parte degli immobili commerciali del Nord Italia avendo un dominio ferreo del territorio anche grazie alla continua e capillare attività di estorsione. Adesso la testimonianza di un pentito qui raccolta permette di capire perché tutto ciò è stato possibile e di avere a disposizione verità e retroscena a volte incredibili: il boss che si intrattiene con il futuro ministro, il traffico d'armi con le Br, il commercio di uranio, l'incontro con Andreotti, il patto tra 'ndrangheta e cinesi, il caso di un industriale delle armi rapito, poi liberato, ed eletto in Parlamento per fare gli interessi della 'ndrangheta. Una soluzione per ogni problema. Soprattutto per riciclare denaro sporco e fagocitare le attività produttive più redditizie. Tutto fatto secondo rituali e regole che arrivano da lontano e che si appoggiano su ferrei codici familiari e amicali.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 4 lettori

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • TIMreading il 06 nov 2017 16:59 Segnala abuso

    libro Metastasi. La nuova 'ndrangheta nella confessione di un pentito, di Gianluigi Nuzzi, parte "dalle confessioni esclusive di Giuseppe Di Bella...amico d'infanzia e per anni uomo di fiducia del...

    leggi tutto »

    libro Metastasi. La nuova 'ndrangheta nella confessione di un pentito, di Gianluigi Nuzzi, parte "dalle confessioni esclusive di Giuseppe Di Bella...amico d'infanzia e per anni uomo di fiducia del boss Franco Coco Trovato, uno dei capi storici dell'organizzazione, il padrino calabrese che con il sangue ha colonizzato il Nord Italia, dalla Lombardia al Veneto. La sua testimonianza racconta perchè la 'ndrangheta è riuscita a entrare nella politica, nelle amministrazioni, nel mondo del lavoro, nella società". Tutto inizia con una semplice telefonata al giornalista...Continua su http://bit.ly/metastasi1

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Il clamoroso successo editoriale di “Vaticano SpA” non ha certo fatto sedere Gianluigi Nuzzi sugli allori. A poco più di un anno da quell’exploit formidabile, Nuzzi torna alla carica con un libro di inchiesta, scritto a quattro mani con Claudio Antonelli e basato sulle confessioni di uno fra i pochissimi pentiti di ‘ndrangheta.Sì, pochissimi: perché – a differenza di quanto è avvenuto per Cosa Nostra – il programma di collaborazione con la giustizia ha portato poca acqua alla lotta per sradicare un sistema chiuso, fatto di 'ndrine che non comunicano con il resto del mondo se non nell’espletazione delle proprie attività criminali, e sempre all’insegna del proprio profitto.Il libro è basato sulla confessione di Giuseppe Di Bella, a lungo braccio destro di Franco Coco Trovato, capo della ‘ndrangheta del lecchese e – a dire di molti – primo responsabile dell’attecchimento del modello ndranghetista nel Nord Italia.Il motore che spinge Di Bella a raccontare a Nuzzi la sua storia, offrendo per la prima volta spunti su episodi che nemmeno in sede giudiziaria erano stati analizzati, è la morte della moglie a causa di una malattia. In punto di morte, Antonella si fa promettere dal marito che farà di tutto per dare a loro figlio una vita migliore.E Di Bella fa luce su trent’anni di monopolio criminale, aiutando a svelare meccanismi e connivenze di una vera e propria holding che ha saputo irradiare il proprio dominio ben al di là delle porte di casa propria.Naturalmente il piatto forte, a partire dai primi anni ottanta, è stato il narcotraffico, e in particolar modo l’importazione della cocaina ha determinato il rapido arricchimento delle 'ndrine trapiantate al nord (e delle loro gemellate in Calabria). Ancora oggi, ci dice Nuzzi al telefono “La cocaina rappresenta il sessantacinque per cento circa del giro di affari della ‘ndrangheta”. Ovvero il sessantacinque per cento di un’economia che vale quanto – giusto per fare un po’ di paragoni – il 2,9 per cento del prodotto interno lordo italiano.È naturale che un simile indotto clandestino debba poi emergere, in qualche modo, e da qui deriva la diversificazione delle attività economiche allestite per riciclare il denaro sporco. Il libro di Nuzzi è prodigo di dettagli, a questo proposito, e uno dei capitoli più incredibili è quello che riporta il racconto, fatto da Di Bella, del tentato trafugamento dell’urna con le ceneri di Gianni Versace da un cimitero di Moltrasio, nel 1997.Perché Di Bella, assieme ad Agostino Rusconi (che sarebbe di lì a poco stato ammazzato), cerca di trafugare l’urna con le ceneri di uno stilista ucciso da un serial killer a Miami Beach pochi mesi prima, per storie che con la ‘ndrangheta, in apparenza nulla avevano a che fare?La confessione del collaboratore di giustizia non riesce a chiarire definitivamente, adontando però il sospetto che la maison Versace utilizzasse molte boutiques internazionali - chissà se intenzionalmente – proprio per riciclare soldi che arrivavano dai traffici dei clan.E poi rapimenti, gioco d’azzardo, traffico d’armi, furti. Ma tutto questo, per potersi trasformare in sistema, deve contare su una rete rodata di entrature politiche, e questa parte della testimonianza di Di Bella è quella che lo porterà ad affermare che “…quando un pentito racconta dei maneggi che stanno dietro il parlamento, dietro le regioni, nei comuni grandi e piccoli, deve prepararsi a essere attaccato e screditato. Ti fanno passare da infame due volte”.Ma come si fa, abbiamo chiesto a Nuzzi, a decidere di fidarsi di un pentito che abbia deciso di raccontare la propria storia? “Un elemento importante”, ha risposto il giornalista “è il fatto che Di Bella si sia per la prima volta accusato di crimini per i quali non è stato giudicato”.Poi c’è il fatto che Di Bella non rientra più sotto protezione, da alcuni mesi, e questo lo espone a rischi considerevoli.Infine, la testimonianza di molti degli episodi che Di Bella racconta come vissuti in prima persona collima con le testimonianze di un altro pentito, Filippo Barreca.Bisogna andarci con i piedi di piombo, questo è certo; ma le pagine in cui Nuzzi rievoca i primi incontri “al buio” con Di Bella, trasmettono davvero il senso di disperazione e precarietà esistenziale di una persona che troppo tardi si accorge di aver sbagliato, e ci offrono uno spaccato importante di una storia che senz'altro è giunta l'ora di scrivere.Gianluigi Nuzzi con MetastasiClaudio Antonelli183 pagine - euro 14,60ISBN 978-88-6190-110-0Chiarelettere edizioni Collana Principio attivo Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(4)

Tutti i lettori

Biografia

Nuzzi Gianluigi
Nuzzi Gianluigi

Gianluigi Nuzzi, milanese, è autore di diverse inchieste e scoop che hanno avuto vasta... leggi tutto

Antonelli Claudio
Antonelli Claudio

Dal 2004 segue inchieste giudiziarie con profili finanziari e fiscali. Attualmente è... leggi tutto