Ricerca avanzata

Ivanhoe. Con Segnalibro

Ivanhoe. Con Segnalibro - Scott Walter - wuz.it

di

Ivanhoe è ritenuto uno dei primi romanzi storici :le vicende si svolgono nell'inghilterra del XII secolo ai tempi della contrapposizione tra i Normanni vincitori e i Sassoni, popolazioni diverse costrette a condividere la stessa terra. Il protagonista del romanzo, Wilfred di Ivanhoe, è un sassone, ma suo padre Cedric lo ha diseredato, perché deciso a seguire il re normanno Riccardo I nella Terza Crociata. Inoltre Cedric ha combinato il matrimonio della ragazza amata da Wilfred con un altro nobile. Nelle sue intenzioni queste nozze dovrebbero condurre all'unione le varie fazioni sassoni, che così potrebbero trovare la forza di ribellarsi ai Normanni e di sconfiggerli. Questi sono gli antefatti di Ivanhoe, supportati da uno studio accurato e approfondito dell'autore, il quale si era documentato ampiamente su quel determinato periodo storico, in modo da ambientare la trama del suo romanzo nella maniera più coerente possibile. E in questa capacità di unire la Storia e la Letteratura, insieme a una trama orchestrata in maniera magistrale, ricca di colpi di scena ed episodi mozzafiato, risiede la grande forza dell'opera di Sir Walter Scott, che ancora oggi continua ad affascinare i lettori. Età di lettura: da 10 anni.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 1 lettore

Il voto della community

6,0
  • Trama 6,0
  • Personaggi 6,0
  • Stile 6,0
  • Incipit 6,0
  • Finale 6,0
  • Copertina 6,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • librisenzaglo il 29 dic 2018 15:27 Segnala abuso

    Ivanhoe è valutato come il primo romanzo storico in assoluto (anno di pubblicazione 1820) è ambientato nell’Inghilterra centrale del Pieno Medioevo ma è scritto da uno scozzese. Sir Walter Scott,...

    leggi tutto »

    Ivanhoe è valutato come il primo romanzo storico in assoluto (anno di pubblicazione 1820) è ambientato nell’Inghilterra centrale del Pieno Medioevo ma è scritto da uno scozzese. Sir Walter Scott, al secolo I Baronetto Scott, che inizialmente si nascose dietro lo pseudonimo di Laurence Templeton. Sebbene anche successivamente si firmava come “l’autore di Waverley” fu grazie ai suoi meriti letterari se ricevette la nomina a baronetto. Definizione di romanzo storico: combinazioni di personaggi ed eventi reali (storici) con personaggi ed eventi di finzione. Alessandro Manzoni ne sa qualcosa. Alla tavola del nobile sassone Cedric di Rotherwood siedono diversi ospiti. Su tutti spicca il cimiero del cavaliere templare Brian de Bois-Guilbert che, in compagnia del priore Aymer, si è lì recato per partecipare al torneo cavalleresco. Sopraggiunge anche l’avaro quanto ricco ebreo Isaac di York insieme alla bellissima e scura figlia Rebecca, e poi lo stesso misterioso pellegrino che aveva indicato la strada a Brian e al priore. Grande assente è il valoroso cavaliere Ivanhoe che però aleggia nei loro discorsi: in quelli del generoso pellegrino come in quelli dell’arrogante Brian, il quale ammette di essere stato battuto in Palestina proprio da Ivanhoe. Pare che di lui sia innamorata l’incantevole Lady Rowena, orfana adottata da Cedric e per la quale ha dovuto esiliare suo figlio Wilfred dopo che fra i due era nato del tenero. Cedric la tiene sotto chiave e l’ha promessa al cavaliere Athelstane. Una volta che re Riccardo Cuor di leone è prigioniero e non si hanno più notizie, suo fratello il principe Giovanni d’Angiò ha preso il potere: non è un caso che egli entrerà nella storia come Giovanni Senza terra. Egli strappa castelli e proprietà ai nobili che sono partiti per la Crociata insieme a suo fratello e li assegna ai propri fedelissimi. Presenzia dunque al grande torneo di Ashby, nella contea di Leicester, dove si sfidano e duellano sia sassoni sia normanni. Al di là di ogni aspettativa, a vincere la gara è il misterioso Cavaliere Diseredato, grazie anche all’aiuto dell’altrettanto misterioso Cavaliere Nero (non quello di Gigi Proietti). Il Cavaliere Diseredato è in realtà il pellegrino: indossa l’armatura che si è potuto permettere grazie a Isaac di York (umiliato al torneo e additato da tutti in quanto ebreo) dopo averlo salvato da un’imboscata tesa dagli uomini di Brian de Bois-Guilbert. Se ti è piaciuto l'inizio, continua a leggere la recensione sul blog pop nerd di Libri Senza Gloria: http://librisenzagloria.com/ivanhoe-di-walter-scott/

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(1)

Tutti i lettori

Biografia

Scott Walter
Scott Walter

Poeta e romanziere scozzese.Di antica e nobile famiglia, compì studi da avvocato a... leggi tutto