Ricerca avanzata

Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno

Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno - Berthoud Ella Elderkin Susan - wuz.it

di ,

Si può curare il cuore spezzato con Emily Brontë e il mal d'amore con Fenoglio, l'arroganza con Jane Austen e il mal di testa con Hemingway, l'impotenza con "Il bell'Antonio" di Vitaliano Brancati, i reumatismi con il "Marcovaldo" di Italo Calvino, o invece ci si può concedere un massaggio con Murakami e scoprire il romanzo perfetto per alleviare la solitudine o un forte tonico letterario per rinvigorire lo spirito. Questo suggeriscono le ricette di un libro di medicina molto speciale, un vero e proprio breviario di terapie romanzesche, antibiotici narrativi, medicamenti di carta e inchiostro, ideato e scritto da due argute e coltissime autrici inglesi e adattato per l'Italia da Fabio Stassi, autore de "L'ultimo ballo di Charlot". Se letto nel momento giusto un romanzo può davvero cambiarci la vita, e questo prontuario è una celebrazione del potere curativo della letteratura di ogni tempo e paese, dai classici ai contemporanei, dai romanzi famosissimi ai libri più rari e di culto, di ogni genere e ambizione. Queste ricette per l'anima e il corpo, scritte con passione propongono un libro e un autore a rimedio di ogni nostro malanno, che si tratti di raffreddore o influenza, di un dito del piede annerito da un calcio maldestro o di un severo caso di malinconia. Le prescrizioni raccontano le vicende e i personaggi di innumerevoli opere, svelano aneddoti, tratteggiano biografie di scrittori illustri e misconosciuti in un invito ad amare la letteratura.

Dettagli sul libro
2 recensioni
Nella libreria di 24 lettori

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • Patricija il 17 apr 2014 18:06 Segnala abuso

    Sì... “Curarsi con i libri” è stato per un po’ la mia lettura della buona notte. Non tragga in inganno ciò che affermo. Semplicemente amo leggere qualche pagina “leggera ma non sciocca” che mi...

    leggi tutto »

    Sì... “Curarsi con i libri” è stato per un po’ la mia lettura della buona notte. Non tragga in inganno ciò che affermo. Semplicemente amo leggere qualche pagina “leggera ma non sciocca” che mi faccia addormentare col sorriso. Confesso che talvolta il sorriso s’è trasformato in riso soffocato per alcuni passaggi esilaranti. L’ultima risata la scorsa notte, leggendo la cura per chi soffre di “Vergogna associata alla lettura”. Per guarire nasccondete la copertina passando al digitale, o fate all’uncinetto una copertina per i libri. Ho riso fino alle lacrime leggendo i suggerimenti per curare la sindrome da acquisto compulsivo di libri. Ho riso in autobus immaginando la prosa di James spalmata come il burro, ho riso leggendo i suggerimenti per curare l’eccessiva reverenza verso i libri e scorrendo i titoli da adottare se si dorme con qualcuno che russa... Insomma, alla fine ci si ritrova con carta e penna ad annotare uno a uno i titoli dei libri non letti. Ti dici che tu no, non sei affetta da quella determinata patologia, che non accusi nemmeno il minimo sintomo. Però, forse sì, poco poco, giusto un’ombra. E nel dubbio che si tratti di quella sindrome o solo di un po’ d’ipocondria, prendo nota, ch’è sempre meglio. E ora, il “però…” e che però... Leggo alla voce “UMORISMO, MANCANZA DI. - Non a tutti fanno ridere le stesse cose. Scorrete questa lista per trovare un libro che serva allo scopo”. Segue la lista “I DIECI MIGLIORI ROMANZI PER RIDERE”. Arrivo al settimo titolo e leggo: L’UOMO CHE RIDE di Victor Hugo. Mi dico che no, non può essere. Rileggo, e rileggo ancora. C’è scritto proprio L’uomo che ride, di Victor Hugo. Ora, passino alcuni suggerimenti discutibili (probabilmente una semplice questione di gusto personale), ma inserire “L’uomo che ride” di Hugo nel suddetto elenco, è una bestialità imperdonabile. Mi chiedo tuttavia - non avendo letto altri commenti in merito - se questa oscenità sia scritta solo nel mio “prontuario”, come scherzo malvagio.

    « chiudi

     
  • ma3nimato il 18 nov 2013 20:56 Segnala abuso

    E' un libro sorprendente e molto piacevole. Ricco di suggerimenti interessanti, spiritosi, seri ma non seriosi o ampollosi. Trasmette il piacere di leggere.

    E' un libro sorprendente e molto piacevole. Ricco di suggerimenti interessanti, spiritosi, seri ma non seriosi o ampollosi. Trasmette il piacere di leggere.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Attenzione! Questo non è un libro. Questo è il libro dei libri, la Bibbia, il Vademecum, il consigliere del lettore. Da trattarsi con venerazione ma da sfogliare, stropicciare, sottolineare, fare come faremmo con un amico che rispettiamo ma con cui abbiamo confidenza. Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(24)

Tutti i lettori

Biografia

Berthoud Ella
Berthoud Ella

Ella Berthoud e Susan Elderkin si sono incontrate da studentesse di letteratura inglese... leggi tutto

Elderkin Susan
Elderkin Susan

Susan Elderkin è nata a Crowley nel Sussex. Il suo primo romanzo, ambientato in Arizona,... leggi tutto