Ricerca avanzata
Intervista

Intervista a Maurizio Matrone

Agente di Polizia a Bologna, laureato in pedagogia, considerato una delle voci più interessanti della nuova narrativa italiana, ha tratto da casi di cronaca bolognese (il più importante è il cosiddetto caso della "Uno bianca") spunto per le sue opere. Da lui, veronese di nascita, sentiamo qual è il suo rapporto con la città che lo ospita da molti anni.  

Bologna la Dotta, la Rossa, la Grassa, Bologna e i suoi artisti


Quale influenza ha e ha avuto su di te e sulla tua scrittura la città in cui vivi?

L'influenza dell'incontro è una delle più frequenti "malattie" che si prendono vivendo in città. Basta passeggiare per il centro storico e scoprire la varietà degli incontri, e dunque della moltitudine di storie che si possono raccontare.

Bologna è una città più "rossa" o più "nera", almeno in senso letterario?

Comincio a pensare che non sia più rossa. Nera in qualche modo lo è sempre stata e non solo per quanto riguarda il mistero, i delitti eccellenti e il noir...

La città degli anni cinquanta di Pupi Avati e quella di oggi: quali cambiamenti credi siano intervenuti e quali credi siano state le principali cause?

Intanto il fatto che il film sia stato girato a Cuneo fa capire quanto Bologna sia cambiata.
Bologna sta diventando una grande città, forse più grande di quello che è e di quello che sembra. Ma tutte le città sono cambiate; non sarebbero città, altrimenti.


Molti scrittori bolognesi, o adottati da questa città, sono giallisti: perché tanta passione per il noir e il poliziesco?

Perché Bologna è una città laboratorio dove nascono e si sperimentano idee e storie. Inoltre la facilità delle relazioni tra artisti, scrittori,musicisti, intellettuali, creativi, artigiani, poliziotti, delinquenti, sovversivi... non può far altro che alimentare di buona e variegata pasta la letteratura di genere.  


Brevi note biografiche di Maurizio Matrone



15 aprile 2009 Di Grazia Casagrande

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti