Ricerca avanzata

La biografia di Bartezzaghi Stefano

Milano, 1962
Bartezzaghi Stefano

Viene da una famiglia di enigmisti - il padre, Piero, era un famoso cruciverbista - e come autore ha esordito con un rebus nel 1971.
Collabora con «la Repubblica» con rubriche di giochi (Lessico e nuvole) e di linguistica (Lapsus).
Ha pubblicato numerosi volumi, tra i quali una storia del cruciverba, L'Orizzonte verticale (Einaudi 2007), Non ne ho la più squallida idea. Frasi matte da legare (Mondadori 2007), il racconto Variazioni (nel volume collettivo Questo terribile, intricato mondo, Einaudi 2008), Lezioni di enigmistica (Einaudi 2009), L'elmo di Don Chisciotte, contro la mitologia della creatività (Laterza 2009), Scrittori giocatori (Einaudi 2010), Non se ne può più - il libro dei tormentoni (Mondadori 2010), Sedia a sdraio (Salani 2011). Nell'ottobre 2011 pubblica presso Mondadori un galateo della comunicazione intitolato Come dire. Del 2012 è Dando buca a Godot. Giochi insonni di personaggi in cerca di aurore (Einaudi).



Articoli, notizie, recensioni su Wuz

I libri di Bartezzaghi Stefano

Bartezzaghi Stefano In rete

Già iscritto?
Iscriviti

Interviste

Stefano Bartezzaghi: quando il gioco è un lavoro

Leggi l'intervista