Ricerca avanzata
Articolo

Un diario del ’43: la seconda puntata della nuova stagione della serie tv Il Commissario Montalbano

Giusto il tempo di abituarci di nuovo alla vista di Marinella, alle stanze del commissariato di Vigàta, alle strade del paese immaginato da Andrea Camilleri ed è già ora di ripartire. Lunedì 18 febbraio in esclusiva e in prima serata su Rai 1 va in onda il film-tv Un Diario del ’43, l’ultimo episodio della tredicesima stagione del Commissario Montalbano.
Tre storie arrivano a Montalbano dal passato e nel presente trovano un collegamento. Inaspettato. Tragico.


La serie tv del Commissario Montalbano: vent'anni di successi
L’altro capo del filo: scopri i segreti del 1° episodio della nuova stagione
Le canzoni della serie tv Il Commissario Montalbano 
L'altro capo del filo: leggi la recensione del romanzo
Un mese con Montalbano: leggi la recensione della raccolta di racconti 

IMG_episodio2_mont vecUna scena tratta da Un diario del '43.
Trama

La trama di Un diario del ’43 rielabora e congiunge la storia del racconto omonimo, Un diario del ’43, e del racconto Being Here…, tratti dalla raccolta Un mese con Montalbano, originariamente pubblicata da Mondadori nel 1998 e riproposta da Sellerio in una nuova edizione nel 2017.
È un’indagine a cavallo tra passato e presente quella che il commissario si trova ad affrontare nel nuovo film-tv della serie. Un’indagine che parte da vicende dell’epoca della seconda guerra mondiale.

Dopo la demolizione di un vecchio silos nel porto di Vigàta, un quaderno emerge dalle macerie: è un diario scritto nell’estate del 1943 da un ragazzo che allora aveva quindici anni, un certo Carlo Colussi. Il ragazzo, intriso di ideologia fascista, confessa di aver trovato e nascosto, nel caos successivo all’8 settembre, alcune bombe a mano e di essere pronto a un gesto estremo per la Patria. Un gesto che si sarebbe rivelato terribile, tremendo. Una strage.

Il giorno stesso della scoperta del diario si presenta da Montalbano un certo John Zuck, un novantenne dall’aria arzilla. L’uomo, vigatese di nascita, durante la guerra fu fatto prigioniero dagli americani e, complice anche la morte dei genitori in un incidente stradale, decise di cambiare nome, restare negli Stati Uniti e farsi lì una vita. Rimasto solo ha deciso di tornare a Vigàta. All’arrivo una scoperta bizzarra: il suo nome erroneamente inserito nella lapide dei caduti di guerra. Il suo desiderio di vederlo cancellato trova una sponda in Montalbano che prende a cuore la sua vicenda dai tratti così pirandelliani.

copertina_mese con montalbanoLa copertina della raccolta di racconti Un mese con Montalbano.
Il giorno dopo l’incontro con Zuck, un altro novantenne, Angelino Todaro, uno dei più ricchi imprenditori della città, viene trovato assassinato.
Sono storie apparentemente slegate l’una dall’altra, ma che, tra le luminarie della festa di San Calorio, si riveleranno sorprendentemente collegate l’una all’altra.

Il funerale del dottor Pasquano

Gli appassionati della serie tv lo sapevano da tempo: Marcello Perracchio, l’interprete del dottor Pasquano, il medico legale goloso di cannoli e che non amava gli venissero rotti i cabbasisi, è deceduto nel luglio 2017.
In questo episodio anche la serie tv ne commemora la scomparsa: Montalbano e la sua squadra si recano nella casa del dottor Pasquano e ne seguono il corteo funebre fino al cimitero monumentale di Scicli.
Zingaretti stesso ha commentato: «Marcello Perracchio […] lo abbiamo salutato in ospedale, per sempre. Sono contento che la produzione abbia avuto il coraggio di accogliere la nostra idea, far sì che il personaggio letterario seguisse la stessa sorte del suo interprete. Impossibile sostituirlo. Sono stati anni importanti quelli che abbiamo passato. Continuerà a vivere sulle pagine, noi partecipiamo al suo funerale e lo celebriamo come merita: è stato uno dei momenti più commoventi che abbia mai girato».
E quest’anno lo salutiamo anche noi.

IMG_episodio1_funeraleUna scena tratta dal funerale del dottor Pasquano.
Cast artistico

LUCA ZINGARETTI Salvo Montalbano
CESARE BOCCI Mimì Augello
PEPPINO MAZZOTTA Fazio
SELENE CARAMAZZA Alessandra De Rossi
ANGELO RUSSO Catarella
GIULIO BROGI Carlo Colussi
ROBERTA CARONIA Rosalba
MARCO BASILE Matteo
ROBERTO NOBILE Nicolò Zito
ALDO LA SPINA Pepè Panarello
DAVIDE LO VERDE Galluzzo
GIOVANNI GUARDIANO Jacomuzzi
ROSA GIUSTOLISI moglie di Pasquano
AGLAIA MORA Dott.ssa Barresi
ANGELO TOSTO Don Giummarra
SILVIA LA MONACA Franca Puca
FRANCESCO COLAIEMMA pescatore
NELLINA LAGANÀ Zina
NINO BELLOMO Angelino Todaro
LORENZO ADORNI Carlo Colussi
FABRIZIO ROMANO Padre Carmelo
con DOMINIC CHIANESE nel ruolo di John Zuck
e con la partecipazione di SONIA BERGAMASCO nel ruolo di Livia
altri interpreti
ALDO MESSINEO RANIELA RAGONESE ROSARIO SPATA LUIGI CARUSO GAETANO LEMBO CLARK GRANT SLONE CHRISTOPHER MARTIN EDOARDO CESARI

IMG_episodio2_augelloIl vicecommissario Mimì Augello (Cesare Bocci) in Un diario del '43.
Cast tecnico
regia ALBERTO SIRONI
sceneggiatura di FRANCESCO BRUNI
                         ANDREA CAMILLERI
                         SALVATORE DE MOLA
                         LEONARDO MARINI
Tratto dai racconti Un diario del '43 e Being here...
contenuti nella raccolta Un mese con Montalbano
di Andrea Camilleri
edito da SELLERIO EDITORE
direttore della fotografia FRANCO LECCA
scenografia LUCIANO RICCERI
costumi CHIARA FERRANTINI
canzoni originali e voce OLIVIA SELLERIO
musiche composte, orchestrate e dirette da FRANCO PIERSANTI
una produzione PALOMAR con la partecipazione di RAI FICTION

Articolo di Francesca Barbalace

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti