Ricerca avanzata
Articolo

Le novità da leggere a febbraio 2019

L’offerta dell’editoria italiana, si sa, ogni anno è ricchissima. Nel 2017 sono stati pubblicati quasi 63.000 libri: circa 5.000 al mese. Orientarsi non è sempre semplice e per aiutarvi a non riversare, nella smania dell’acquisto d‘impulso, il vostro intero stipendio nelle casse di una libreria (o nel carrello di ibs.it, LaFeltrinelli, Libraccio.it) abbiamo pensato di proporvi la nostra selezione dei libri più interessanti, illuminanti, sorprendenti, innovativi, coinvolgenti e (perché no?) commuoventi in uscita a febbraio 2019. I libri che vi terranno svegli a leggere tutta la notte, i libri che leggerete tutto d’un fiato. I libri di cui si parlerà, i must, insomma quelli che proprio non potrete non leggere. Più qualche curiosità.

Narrativa italiana e straniera, saggistica, graphic novel: ce n’è per tutti i palati. Scopriteli insieme a noi!
Non vorrete per caso trovarvi a non poter dire la vostra in una discussione sui titoli del momento, vero?

Tra gli autori: Edoardo Albinati, Simonetta Agnello Hornby, Alberto Asor Rosa, Marco Balzano, Stefano Bartezzaghi, Massimo Cacciari, Gianrico Carofiglio, Hans Magnus Enzensberger, Robert Galbraith (J. K. Rowlings), Chiara Gamberale, Bjorn Larsson, Marco Missiroli, Andrea Pazienza, Paolo Rumiz, Georges Simenon, Irvine Welsh.

Buona lettura e buone letture! 
 

Narrativa italiana


- Edoardo
Albinati, Cuori fanatici, Rizzoli

Roma, anni ottanta. Nanni e Nicola, un’amicizia profonda come poche. Due vite, due esistenze agli opposti: da una parte Nanni e la sua famiglia felice (in apparenza), dall’altra Nicola e la sua solitudine. Sullo sfondo un’organizzazione indipendente e violenta che vuole sovvertire il sistema. Un romanzo corale, al contempo ritratto di due uomini e spaccato di un’Italia destinata a ripetere sempre gli stessi errori.


- Marco Missiroli, Fedeltà, Einaudi

Lui, lei, l'altra, e l'altro. Il tradimento. La fedeltà. Ma siamo sicuri che resistere a una tentazione significhi essere fedeli? E se quella rinuncia fosse un tradimento verso noi stessi? Marco Missiroli esplora le dinamiche di coppia, sonda i pensieri e i desideri inconfessabili dei suoi personaggi. Quei desideri e quei pensieri che alla fine sono un po’ anche i nostri.
Qualcuno ne parla già come del “vincitore annunciato” del Premio Strega 2019. Non resta che attendere le decisioni degli Amici della Domenica.  

missiroliLa copertina di Fedeltà di Marco Missiroli.
- Gianrico Carofiglio, La versione di Fenoglio, Einaudi

Un reparto di Ortopedia. Tra i ricoverati il maresciallo Pietro Fenoglio e Giulio, un ragazzo ventiquattrenne: due personaggi ironici, umanissimi. Un’amicizia inattesa che nasce dalla condivisione dell’esperienza. E l’incontro fra Giulio e l’anziano investigatore diventa un lungo dialogo meditativo e intimo. Un viaggio nei territori del rimpianto, della colpa, delle illusioni perdute, un intreccio di raffinati racconti polizieschi che si rivela un'illuminante riflessione sul senso del lavoro investigativo e di un metodo che dalle indagini si sposta verso una riflessione sul valore, soprattutto morale, dell'errore e del dubbio.


- Simonetta Agnello Hornby, La Mennulara, Feltrinelli

Dopo sedici anni la scrittrice Italo-britannica ritorna sul suo primo romanzo (vero caso letterario) per un ulteriore lavoro di approfondimento e per aggiungere quelli che ha sempre chiamato "i capitoli perduti", pagine andate realmente perdute ma ricche di immagini rimaste impresse nella sua memoria. Una nuova edizione accresciuta, interamente rivista dall’autrice per chi vuole penetrare più a fondo il mistero della controversa Mennulara, al secolo Maria Rosalia Inzerillo, e della sua Sicilia degli anni sessanta.  

agnello hornbyLa copertina della nuova edizione de La Mennulara di Simonetta Agnello Hornby.
- Lidia Ravera, L’amore che dura, Bompiani

Una giornata speciale attende Emma: incontrerà Carlo, il grande amore della giovinezza. Hanno vissuto insieme a lungo, finché lui, spinto all’ambizione, ha scelto di andare all'estero per inseguire i suoi sogni di gloria. La loro storia è finita ma c’è un segreto che preme sul cuore di Emma da vent’anni. Un incidente, tuttavia, lascia tutto in sospeso e la vita di Emma e Carlo rimane appesa a un filo. Il passato però è sempre più pressante: ci sarà il modo di ricostruire quel grande amore che non si è mai spento?


- Chiara Gamberale, L’isola dell’abbandono, Feltrinelli

Un romanzo profondo e coraggioso sull’abbandono, un racconto appassionato sulla responsabilità delle nostre scelte e sull’inesorabilità del destino, sui figli che avremmo potuto avere e su quelli che abbiamo avuto, sulle occasioni perse e quelle che, magari senza accorgercene, abbiamo colto.  

gamberaleLa copertina de L'isola dell'abbandono di Chiara Gamberale.
- Alice Cappagli, Niente caffè per Spinoza, Einaudi

Lei gli legge i filosofi e gli riordina la casa, lui le insegna che nei libri si possono trovare le idee giuste per riordinare anche la vita. Lui è un anziano professore capace di vedere nel buio, lei, Maria, è una giovane donna che ha perso l’orientamento.
Un romanzo sulla vita, la morte e tutto ciò che sta in mezzo. Un romanzo che, senza troppi clamori, con semplicità, ci insegna che dai libri che amiamo è sempre possibile ripartire, anche quando ogni cosa intorno sembra essere contro di noi.


Andrea VitaliCerte fortune. I casi del maresciallo Ernesto Maccadò, Garzanti Libri

5 luglio 1928. Allarme rosso a Bellano: un toro, noleggiato per ben altri scopi, a causa di una imprudenza, semina feriti come piovesse.
Con Certe fortune torna in scena il maresciallo Ernesto Maccadò. Già alle prese con gli strani svenimenti della moglie Maristella, che fatica ad ambientarsi, il maresciallo deve anche riuscire a destreggiarsi tra la prossima inaugurazione del nuovo tiro a segno, un turista tedesco chiuso a chiave nel bagno di un battello e gli imprevisti esiti della monta taurina. E così a volte anche i santi rischiano di perdere la pazienza... 

vitaliLa copertina di Certe Fortune di Andrea Vitali.
- Salvatore Maira, Ero straniero, Bompiani

Ci sono Saro e Karim, due ragazzi. Uno viene dalla Sicilia, l’altro da molto più lontano, ma uno scippo alla Stazione di Milano li lega in un’amicizia delicata. C’è il dramma del lavoro in nero nei cantieri del Nord. C’è la violenza quotidiana che dilaga nella società.
Un romanzo doloroso, brutale sul male di vivere oggi e su quelle parti del nostro paese che vivono in difesa, respingendo per principio il diverso.  

mairaLa copertina di Ero straniero di Salvatore Maira.
Narrativa
straniera


- Bjorn Larsson, La lettera di Gertrud, Iperborea

Il ritorno di Björn Larsson: un romanzo che si confronta con gli interrogativi più intimi dell’uomo, sulla sua storia e sulla sua identità, su come essa venga costruita e in parte imposta, sui limiti della libertà umana e sul diritto che tutti noi abbiamo all’autodeterminazione.


- Kristen Roupenian, Cat Person, Einaudi

Una raccolta di racconti esplosivi, primo su tutti l’omonimo Cat Person, che per settimane ha invaso i social network del pianeta. Una nuova voce femminile, già un caso nella narrativa internazionale.

roupenianLa copertina di Cat person di Kristen Roupenian.
- Rachel Khong, Goodbye, vitamin!, NN editore

Sfolgorante romanzo d’esordio della scrittrice americana di origini asiatiche Rachel Kong, Goodbye, vitamin!, storia di una giovane donna a un bivio fondamentale per la sua vita, è stato salutato con entusiasmo dai più noti scrittori americani di questa generazione, da Lauren Groff a Miranda July a David Leavitt.


- Georges Simenon, Il sospettato, Adelphi

Quando, in una notte di pioggia, Piere Chave attraversa illegalmente la frontiera tra il Belgio e la Francia (dov'è ricercato per diserzione), sa bene che la sua sarà una corsa contro il tempo, una missione impossibile: su di lui, infatti, pesano non solo i sospetti della polizia, ma anche quelli dei suoi stessi compagni.
Una nuova edizione (con la traduzione di Marina Karam) per un titolo pubblicato in Italia nel 1940 e nel 1953 da Mondadori. Una riscoperta da leggere d’un fiato.

simenonLa copertina de Il sospettato di Georges Simenon.
- Nick Laird, Il ritorno degli dei, minimum fax

Allison e Liz. Due sorelle. Due storie parallele per un testo potente, che affronta l’inutilità di ogni fuga dal passato e la necessità di fare i conti con i suoi fantasmi e la sua eredità. Terzo romanzo dell’autore nordirlandese Nick Laird, tra i talenti della nuova scena britannica.


- Yoshida Shuichi, Appartamento 401, Feltrinelli

Quartiere di Setagaya, Tokio. Cinque coinquilini, cinque vite, cinque storie per un thriller letterario, atipico, giocato sul mistero dell’altro, di chi ci sta accanto e che spesso è molto diverso da come crediamo che sia.  

Yoshida Shuichi Appartamento 401La copertina di Appartamento 401 di Yoshida Shuichi .
- Eva Menasse, Animali per esperti, Bompiani

Il comportamento degli animali diventa il grimaldello per studiare la specie più anomala di tutte, quella umana. Ogni racconto di Animali per esperti della pluripremiata scrittrice austriaca ce ne offre una sfaccettatura diversa con una prosa limpida e raffinata. E la pagina del libro si tramuta in un impietoso specchio che riflette tutti noi.


- Horace McCoy, Non si uccidono così anche i cavalli?, Sur

Romanzo di culto del genere hard boiled, dalla sua prima uscita, nel 1935, ha continuato a essere ristampato in tutto il mondo. Nel 1969 è diventato anche un film dallo stesso titolo, diretto da Sydney Pollack e interpretato da Jane Fonda. Stampato in Italia da Terre di Mezzo nel 2002, ma ormai fuori catalogo, Sur lo ripropone in una nuova edizione (con la traduzione di Luca Conti) con cui immergerci ancora una volta in questa avventura nella Hollywood anni Trenta.

McCoyLa copertina di Non si uccidono così anche i cavalli? di Horace McCoy.
- Jennifer Egan, La Città di Smeraldo, Mondadori

Undici racconti finora inediti in Italia, piccoli gioielli che ci parlano di personaggi diversi tra loro - modelle e casalinghe, banchieri e studentesse - accomunati però dalla ricerca di qualcosa che vada al di là della loro esperienza personale e quotidiana. Desideri, fallimenti e ambizioni che Egan, con la sua solita eleganza, ci porta nuovamente a riconoscere come nostri.


- Robert Galbraith, Bianco Letale. Un’indagine di Cormoran Strike, Salani

Lo sappiamo tutti ormai: dietro lo pseudonimo di Robert Galbraith non si nasconde uno scrittore qualunque, ma la mamma di Harry Potter, J. K. Rowling. E ogni suo ritorno merita sempre attenzione. In Bianco Letale, ritroviamo l’investigatore Cormoran Strike alle prese con una nuova avventura, un’indagine labirintica dai sobborghi di Londra alle stanze più segrete del Parlamento, fino a una suggestiva ma inquietante tenuta di campagna.


- Irvine Welsh, Morto che cammina, Guanda

Renton, Begbie, Sick Boy e Spud sono tornati. I tempi di Trainspotting sono lontani, ma i quattro, in balia di nuove dipendenze, sono ora costretti a fare i conti con il passato e con il futuro. Sarà tra loro il “morto che cammina”?

welshLa copertina di Morto che cammina di Irvine Welsh.
Saggistica


- Stefano Bartezzaghi, Banalità. Luoghi comuni, social network e semiotica, Bompiani

Ci dicono che la banalità è lo spauracchio della contemporaneità, ma ne siamo davvero sicuri? Il noto giornalista e scrittore Stefano Bartezzaghi prova a ribaltare le carte e a proporci un nuovo approccio con la banalità, nostra e altrui, invitandoci a conoscerla e riconoscerla. Dove? Tra le pagine dei social network.


- Sergio Luzzato, Max Fox o le relazioni pericolose, Einaudi

Chi è Max Fox, all’anagrafe Massimo De Caro, ambizioso trentenne di provincia nell'Italia berlusconiana? Lo storico Sergio Luzzato, coniugando la capacità di analisi dello studioso e le doti affabulatorie del narratore, si lancia nell’esplorazione della vita e dei moventi di De Caro, della sua metamorfosi da studente svogliato e bibliofilo dilettante in predatore di libri antichi, prodigioso falsario e faccendiere spregiudicato, arrestato nel 2012 per avere svaligiato l'antica biblioteca dei Girolamini di Napoli, di cui era diventato direttore. Una parabola esistenziale che diventa affresco di un’epoca, immagine lucida di un’Italia tra post-verità e post-onestà.

luzzatoLa copertina di Max Fox o le relazioni pericolose di Sergio Luzzato.
- Nunzia Penelope, Che ne sarà di noi. Giovani e vecchi, spopolamento e immigrazione, lavoro e welfare: un ritratto dell'Italia futura (e alcune modeste proposte), Ponte alle Grazie

Una lucida osservazione del contesto sociale ed economico dell’Italia di oggi. Ci sono vie di uscita alla crisi? Quali sono? Nunzia Penelope, scrittrice e giornalista sulle pagine economiche di testate come “Il Foglio” e “Il Mondo”, ribalta i più abusati stereotipi socio-economici mettendo in campo, come risorse future, immigrazione e intelligenza artificiale.


- Hans Magnus Enzensberger, Panopticon, Einaudi

Un’illuminante raccolta di brevi saggi a tema politico, sociale, economico e religioso, che deve il suo titolo a un insolito gabinetto degli orrori e delle curiosità realizzato dal comico tedesco Karl Valentin negli anni Trenta. Una raccolta, quella di Valentin, a cui era obbligo avvicinarsi senza porsi troppe domande. Ed è questo che anche Enzensberger chiede ai suoi lettori, guidandoli in un percorso vario, ricco di contenuti e accostamenti inattesi, in cui anche le tematiche più complesse sono presentate con un tono leggero. Una chiara dimostrazione dell'importanza ancora oggi rivestita dall'intellettuale nel contesto pubblico.

enzensbergerLa copertina di Panopticon di Hans Magnus Enzensberger.
- Alberto Asor Rosa, Machiavelli e l’Italia, Einaudi

Un saggio denso e colto, ma coinvolgente come un romanzo, il cui “eroe”, Niccolò Machiavelli, emerge come un personaggio a tutto tondo, nella sua dimensione più umana e nel moltiplicarsi senza fine delle sue vocazioni. Una ricostruzione che consente di conoscere meglio non solo la figura machiavelliana, ma anche lo svolgimento di un momento decisivo della storia italiana: gli anni tra 1492 e 1530, determinanti per i destini del nostro paese fino a oggi.


- Massimo Cacciari, La mente inquieta, Einaudi

Un’analisi approfondita del periodo e della filologia umanistica che va oltre la diffusa esaltazione dei valori estetico-artistici e la riduzione del pensiero dell'epoca a elementi retorico-filologici. Il filosofo Massimo Cacciari guarda all’Umanesimo in tutta la sua complessità e dimostra come la stessa filologia umanistica si inserisca in un progetto culturale più ampio tra filosofia e teologia, passato e futuro, mondano e ultramondano.

cacciariLa copertina de La mente inquieta di Massimo Cacciari.
- Marco Balzano, Le parole sono importanti, Einaudi

Ogni parola ha una voce e una storia da raccontare. Attraverso dieci scavi etimologici, Marco Balzano, Premio Strega 2018, esplora il corpo delle parole, la loro tridimensionalità, la loro vita. Perché l’etimologia è scoperta di una dimensione sconosciuta e meravigliosa e oggi più che mai ha bisogno di ricevere tutta la considerazione che merita.

balzanoLa copertina di Le parole sono importanti di Marco Balzano.
Graphic novel

- Andrea Pazienza, Vignette, Coconino Press

Coconino press continua l’operazione di pubblicazione dell’intera produzione a fumetti di Andrea Pazienza avviata nel 2018 in occasione del trentennale dalla sua morte. Arrivano in libreria le Vignette di Andrea Pazienza, proposte in una nuova edizione integrale. Un’occasione per riscoprire una figura mitica del fumetto italiano.


- Serge Clerc, La notte del Mocambo, Oblomov Edizioni

Parigi, Stati Uniti o Russia? Anni quaranta o cinquanta? Un mondo senza precise coordinate temporali e geografiche: è questo l’universo in cui si muove il giornalista e critico musicale (a volte detective) Philip Perfect, il personaggio feticcio dell’illustratore francese Serge Clerc, per la prima volta in Italia grazie a Oblomov Edizioni. Il volume raccoglie le storie di La notte del Mocambo e La leggenda del Rock'n'Roll, entrambe pubblicate tra il 1982 e il 1984. Un classico da riscoprire.

Articolo di Francesca Barbalace


Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti