Ricerca avanzata
Articolo

Le 15 migliori copertine del 2018

Immaginate di entrare in una libreria e curiosare tra i suoi scaffali. Cosa vi attira verso un preciso libro? Cosa vi spinge a prenderlo in mano? Spesso è proprio la sua copertina. Un recente sondaggio di @CasaLettori e Robinson lo conferma: per l’11% dei lettori italiani è il principale motivo di scelta.
Sarà per una grafica accattivante? Per un’illustrazione originale? Un’immagine d’impatto? A ogni lettore l’ardua sentenza.
Intanto noi ci siamo divertiti a spulciare un po’ tra i libri pubblicati nell’anno appena passato per proporvi la nostra selezione delle 15 copertine più belle del 2018. Quelle che più ci hanno colpito. Quelle che più ci hanno fatto meravigliare.
Perché non è sempre vero che un libro non si giudica dalla sua copertina.

Un occhio che vi guarda di nascosto, che vi spia dal buco della fessura: è lo sguardo dell’invidia. Attenzione a non prendere il malocchio!

Irriverenza, ironia e una sottile citazione per l’autore de Il poema dei lunatici (avete mai visto La voce della luna di Federico Fellini? È tratto proprio da lì!)

Copertine 11La copertina di Invidia il prossimo tuo di John Niven

La copertina de La galassia dei dementi di Ermanno Cavazzoni 
.
Come mettere insieme profondità e leggerezza? Lo strumento migliore è l’ironia, per omaggiare uno dei maggiori umoristi inglesi di tutti i tempi.

A volte la terra delle proprie origini assume nel ricordo fattezze umane: è simbolo di vincoli profondi, di sangue, di familiarità e affetti. Come rappresentare meglio il legame di Siri Ranva Hjelm Jacobsen con le isole Far Øer?

Copertine 12La copertina di Pensieri oziosi di un ozioso per una vacanza oziosa di Jerome K. Jerome

La copertina di Isola di Siri Rava Hjelm Jacobsen 
.
Un’esplosione di pensieri, l’inscindibile unione tra parola e corpo per uno dei migliori libri mai scritti sul problema del legame mente-corpo.

A volte basta un’immagine per rimandare a una precisa ambientazione, a un’atmosfera. Cosa c’è di più russo di una matrioska? Cosa c’è di più profondo e nascosto dell’invidia?

Copertine 13La copertina de Le illusioni della certezza di Siri Hustvedt

La copertina di Invidia di Jurij K. Olesa 
.
Uno sguardo inquietante, oscuro, che vi attira come un buco nero nel primo vero thriller di possessione demoniaca.

Steli che si allungano e si annodano tra le lettere. Colori vividi in risalto su un fondo buio. È il presagio di un’ombra, del legame oscuro che porterà Virginia, la protagonista del romanzo, lontano dalla sua vita apparentemente perfetta.

Copertine 14La copertina de I due esorcisti di Ray Russell

La copertina de Gli abbracci oscuri di Julia Montejo 
.
Non c’è momento più felice, per un bambino, che ascoltare una fiaba prima di andare a dormire, mentre il fuoco scoppietta nel camino e la luna si leva nel cielo. Che ne dite?

Un’inattesa variazione dai caratteristici sfondi bianchi dei “Supercoralli” Einaudi. D’altronde, come rappresentare meglio la fuga tra i boschi e la vita a contatto con la natura delle sorelle Sal e Pepa?

Copertine 15La copertina di Fiabe faroesi

La copertina di Sal di Mick Kitson
.
Il rigore della forma e la preziosità dell’oro per uno dei più interessanti libri-reportage dell’Ottocento sul Giappone e il suo attraente mistero.

Una nuotata rilassate e solitaria tra le corsie di una piscina: è la più consolidata abitudine di Rosemary, la protagonista de Il lido di Libby Page. Sarà lei su in alto accanto al titolo?

Copertine 16La copertina di Ombre giapponesi di Lafcadio Hearn

La copertina de Il lido di Libby Page
.
Una città castello che vola per aria. L’incanto di un mondo immaginario in cui perdersi per la prima saga fantasy pubblicata da edizioni e/o.

Cosa nasconde la letteratura dietro le fredde pagine della critica accademica? Un tessuto di carne e sangue. Un corpo vibrante e vivo da studiare e indagare in una prospettiva inedita.

Copertine 17La copertina di Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos

La copertina di Biologia della letteratura di Alberto Casadei
.
Due trecce intrecciate tra loro. C’è forse immagine e metafora più bella per rappresentare il legame tra due donne?

toewsLa copertina di Donne che parlano di Miriam Toews.
Articolo di Francesca Barbalace 

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti