Ricerca avanzata
Articolo

Gabriele D'Annunzio segreto: a ottant'anni dalla morte libri e spettacoli

A Ottant’anni dalla morte di Gabriele D’Annunzio la città di Milano tributa alla sua memoria una serie di eventi, dalla pubblicazione di un fumetto dedicato alla sua vita a una cena d’autore.

- I libri di Gabriele D'Annunzio in commercio
- Una selezione di edizioni d'epoca

dannunzio.
Tra gli appuntamenti, ideati dall’attore e regista Edoardo Sylos Labini, lo spettacolo D’Annunzio Segreto, in programma dal 5 al 7 febbraio 2018 al Teatro Manzoni, scritto da Angelo Crespi con la regia di Francesco Sala.

Nello spettacolo un D’Annunzio ormai anziano, rinchiuso nelle lussuose stanze del Vittoriale insieme alle sue domestiche, si crogiola con giovani donne, ricordando i fasti del suo passato. Tra lettere private e chiamate del Duce, regali e cambiali scadute, il Vate ripercorre le tappe più importanti della sua vita sentimentale e artistica: dalle prove teatrali della Città morta allo scandalo pubblico del romanzo ll fuoco.
Una messa in scena che è una vera e propria celebrazione: ardita, monumentale, eroica. Con scenografie sontuose, oggetti esotici, tende di broccato e costumi riccamente decorati - curati da Marta Crisolini Malatesta e valorizzati dalle luci suggestive di Pietro Sperduti - quello di Sylos Labini è un D’Annunzio mai arreso, ironico, sprezzante, in bilico tra follia e malinconia.

Un personaggio preda di forti passioni e grandi afflati, ossessionato dalla figura dell’immensa Eleonora Duse, magistralmente interpretata da Viola Pornaro, che in veste di fantasma, nottetempo, emerge come iconica presenza con la forza del teatro classico e del cinema muto d’inizio Novecento.
Il risultato è una messa in scena che rivela appieno la poetica estetizzante del Vate, che infatti si dispiega nel finale quando il protagonista interpreta La pioggia nel pineto, forse il momento più alto, in termini di estetizzazione del mondo, della produzione dannunziana. Forse non proprio “segreto” questo D’Annunzio di Sylos Labini, ma certamente un tributo all’uomo e all’artista, a colui che ha fatto della sua vita un’opera d’arte.

Annalisa Veraldi

In scena, dal 5 al 7 febbraio 2018
Teatro Manzoni
Via Manzoni 42 - Milano

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti