Ricerca avanzata
Articolo

Tutti i libri sull'Olocausto e la Shoah oltre Giornata della Memoria

Shoha
Ofra Amit e Nadia Terranova - Bruno, il bambino che imparò a volare
 

Ogni anno si rinnova il ricordo della Shoah (cioè del genocidio degli ebrei) e del dramma dei campi di concentramento e di sterminio nazisti che hanno visto tra le vittime anche oppositori, prigionieri politici, zingari, omosessuali, prigionieri di guerra...
Nel tempo quasi tutti i protagonisti diretti di quell'olocausto sono scomparsi. Le loro parole restano nei libri e il testimone sta passando ai figli e ai nipoti.
L'importante è ricordare.
Ecco moltissimi libri che aiutano a farlo.

GIORNO DELLA MEMORIA - Perché

La legge n. 211 del 20 luglio 2000
ha istituito il Giorno della Memoria in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.
Espressamente il fine è "ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati."
In tutta Italia il 27 gennaio - giorno della liberazione del campo-simbolo di Auschwitz - è il giorno dedicato al ricordo.

giornata memoria bimbe
Bambine ebree di Łodz


I LIBRI FONDAMENTALI

"Noi sopravvissuti alla Shoah siamo inchiodati: vorremmo liberarci dal peso insopportabile di ciò che è stato e invece siamo costretti a riviverlo ogni volta. Delegati a testimoniare da chi avrebbe avuto il dovere di evitarcelo: quest'Europa che cancella i suoi sensi di colpa per lo sterminio degli ebrei non parlandone, e scaricando su noi vittime la responsabilità e il dolore della memoria. Una vera follia".
Questo scriveva Edith Bruck. E con lei molti altri autori che hanno attraversato questo dramma hanno poi in modo diverso tentato di raccontarlo.
Nella prefazione al libro di Mario Carrassi, scriveva Norberto Bobbio:
"Il primo insegnamento che si può trarre da questo libro è che non bisogna dimenticare. Il secondo, che bisogna ricordare non per giudicare, ma prima di tutto per apprendere e capire."

giornata memoria marta czok La fune
Marta Czok - La fune

memoria

ALTRE TESTIMONIANZE 

memoria

memoria

auschwitz
L'ANALISI STORICA - SAGGI E CONTRIBUTI

Commenti (1)

Già iscritto?
Iscriviti