Ricerca avanzata
Articolo

27 gennaio 2012: la Giornata della memoria tra le pagine dei libri

illustrazione di Ofra Amit da: Bruno, il bambino che imparò a volare
Ogni anno si rinnova il ricordo della Shoah.
Nel tempo quasi tutti i protagonisti diretti di quella tragedia sono scomparsi. Le loro parole restano nei libri e il testimone sta passando ai figli e ai nipoti.
L'importante è ricordare. Ecco alcuni libri che aiutano a farlo e l'intervista a Marco Baliani, lettore de Il giardino dei Finzi-Contini.


La legge n. 211 del 20 luglio 2000 ha istituito il Giorno della Memoria in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.
Espressamente il fine è "ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati."


Thomas Geve - Qui non ci sono bambini. Un'infanzia ad Auschwitz

Forse nessuno come Primo Levi ha saputo trasmettere con un linguaggio universale il dramma di un'esperienza inimmaginabile se non vissuta personalmente.
Ricordiamo un passo da I sommersi e i salvati, testo fondamentale per ogni successiva riflessione:
"L'esperienza di cui siamo portatori noi superstiti dei lager nazisti è estranea alle nuove generazioni dell'Occidente, e sempre più estranea si va facendo mano a mano che passano gli anni. [...] Per noi parlare con i giovani è sempre più difficile. Lo percepiamo come un dovere, ed insieme come un rischio: il rischio di apparire anacronistici, di non essere ascoltati. [...] È avvenuto, quindi può accadere di nuovo: questo è il nocciolo di quanto abbiamo da dire".


In tutta Italia il 27 gennaio
- giorno della liberazione del campo-simbolo di Auschwitz - è il giorno dedicato al ricordo, con una serie di iniziative che, anche nei giorni precedenti e successivi, cercheranno di fermare la coscienza collettiva nella memoria di eventi che - come è fin troppo retorico affermare - non dovrebbero più avere luogo e che invece, purtroppo, si ripetono tutt'oggi in varie parti del mondo.

Ogni anno affrontiamo questa giornata su Wuz presentandovi piccoli esempi tratti dalla marea di titoli che riguardano questo tema, che ricordano genitori, figli, famiglie scomparse, che fanno rivivere l'anima di mondi ormai dimenticati come gli shtetl dell'Europa dell'Est, che raccontano la banalità del Male e la dignità degli ebrei italiani, come Il giardino dei Finzi-Contini, letto in audiolibro da Marco Baliani, che sul tema abbiamo intervistato.
E come ogni anno vi segnaliamo alcune mostre fra le tante.





bambine ebree di Łodz
I libri scelti quest'anno tra le novità:







E ancora






TRE MOSTRE



I DISEGNI DI THOMAS GEVE

Torino - Museo Diffuso della Resistenza (corso Valdocco 4/A) - 27 gennaio 2011-13 maggio 2012
Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha conferito alla mostra una propria medaglia di rappresentanza.
Per la prima volta in Italia saranno esposte a Torino, in questa mostra curata dal Museo Diffuso della Resistenza, le riproduzioni di 50 dei 79 disegni realizzati dal giovanissimo Thomas Geve subito dopo la liberazione dal Lager. La mostra nasce dal volume Qui non ci sono bambini. Un'infanzia ad Auschwitz, pubblicato da Giulio Einaudi editore nel gennaio 2011.


BRUNO. IL BAMBINO CHE IMPARÒ A VOLARE
Roma - Galleria Tricromia (via di Panico 35) - 15 gennaio-5 febbraio 2012
Sono esposti i disegni originali che hanno illustrato il libro dedicato a Bruno Schulz ed edito da Orecchio Acerbo.




I FUMETTI DELLA MEMORIA

Milano - WOW Spazio fumetto (viale Campania 12) - 21 gennaio-5 febbraio 2012
L'orrore dei campi di concentramento raccontato a fumetti nel capolavoro di Art Spiegelman Maus (Premio Pulitzer 1992) e Giorgio Perlasca un uomo comune, la coraggiosa epopea dell'uomo che durante la guerra salvò migliaia di ebrei destinati alla deportazione nell'opera a fumetti di Marco Sonseri ed Ennio Bufi.





20 gennaio 2012 Di Giulia Mozzato

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti