foto Effigie

Consulta in Archivio
le interviste
del Café
Banana Yoshimoto
Un frutto dall'Oriente

Mahoko Yoshimoto, in arte Banana, è stata in Italia in occasione del Convegno organizzato dal Premio Grinzane Cavour sulla letteratura orientale, "Uno sguardo a Oriente: scrittori di Cina, Corea, Giappone e Vietnam". È lei stessa sorpresa dal successo ottenuto in Italia dalle sue opere, confermato dai dati di vendita dell'ultimo romanzo Amrita


Una domanda sicuramente banale. Perché questo pseudonimo Banana?
H o scelto questo pseudonimo per la mia passione per i fiori di banano (rossi e carnosi) di cui in casa, a Tokyo insieme a miei due cani e alla tartaruga, ho un esemplare che sta crescendo smisuratamente. Inoltre è un nome che si pronuncia nel medesimo modo in quasi tutte le lingue importanti e si ricorda facilmente.

Il suo ultimo romanzo, Amrita, sta avendo un successo straordinario in Italia, come del resto era già accaduto per le sue opere precedenti. Come spiega la popolarità di cui gode qui?

N on so spiegarmi il mio successo e soprattutto il consenso in Italia. Forse devo tutto a una buona traduzione [il traduttore, che l'accompagna sempre nel suo tour italiano, è Giorgio Amitrano, n.d.r.]. Comunque sapere che un mio libro viene pubblicato in Italia mi fa provare ogni volta una gioia immensa. L'Italia è un paese in cui riesco ad essere me stessa e a diventare contemporaneamente una persona dalle mille facce. Paese che accogli tutto, che aiuti la bellezza degli esseri umani a fiorire, fantastica Italia... Amo molto anche la vostra arte e il cinema.

Quale cinema?

N anni Moretti, su cui ho scritto un saggio, mi piace perché serio ma comico allo stesso tempo, e Dario Argento. Da ragazzina ero ossessionata dall'idea di non essere normale, ma quando ho visto le immagini dei film di Dario Argento ho sentito che mi veniva concessa la possibilità di stare al mondo. Sono numerosi i suoi sostenitori che, come me, dopo aver visto i suoi film hanno addirittura rinunciato all'idea di suicidarsi.

In Amrita è forte sia il tema della morte che quello del disagio giovanile, che spesso si traduce in disperazione. Come spiega questo disagio diffuso e con quale spirito lo affronta?

N on so dare risposte precise. Ma credo che i ragazzi di oggi, non solo in Giappone, crescano e diventino adolescenti e adulti senza sperare nel futuro. Perciò, affrontando i loro problemi, le loro angosce, forse anche con i miei libri posso ridar loro fiducia. Anche la solitudine è una condizione drammatica dei giovani, accentuata dall'inesperienza. Chi è giovane vive la solitudine come scacco e ne ha terrore. Per questo gli adolescenti cercano il branco, per superare la paura. L'adolescenza non è in sé un pericolo crudele, però i giovani hanno un'energia tanto forte che qualunque cosa facciano diventa estrema e drammatica.

C'è una differenza tra le giovani generazioni europee e giapponesi?

I giovani in Giappone hanno nuovi valori, sono più istintivi, hanno una maggiore capacità di arrangiarsi. Le richieste delle giovani generazioni giapponesi sono molto più severe di quelle dei loro coetanei occidentali.

Il pensiero New Age, il paranormale, la ricerca di una ritrovata spiritualità e di un riscoperto misticismo sono temi della sua narrazione, specie nel suo ultimo romanzo pubblicato in Italia. Sono anche passi della sua ricerca personale?

P er gli uomini d'oggi il soprannaturale è indispensabile. Forse per una insicurezza generalizzata, o perché sono sorti nuovi dubbi nei confronti della tecnologia. A me interessa molto la capacità della gente di credere in queste cose. Si tratta di un mio interesse particolare, non della facile adesione a una moda corrente. Amrita è una storia ambientata in un mondo reale del quale mi sforzo di illuminare la parte invisibile, sommersa.

E la realtà virtuale, il gioco virtuale che ci arriva dal Giappone? È vero che anche lei ha posseduto un pulcino Tamagotchi?

S ì, anch'io ho provato una volta a possedere un Tamagotchi. Sono scoppiata a piangere quando l'ho visto morire, ho avuto un piccolo trauma. Ma come gioco non mi pare tanto dannoso. Non condivido lo scandalo di tanti nei confronti del Tamagotchi. In questo gioco c'è forse qualcosa di più di uno svago virtuale, qualcosa che coinvolge i sentimenti.

Quali sono le sue ricerche linguistiche?

M i piace usare parole straniere, soprattutto inglesi, ma non voglio che rovinino la mia fatica di scrivere nel più bel giapponese possibile, bello da leggere.

Ha influito sulle sue scelte la presenza in famiglia di un padre, Ryumei Yoshimoto, eminente critico letterario e poeta?

I l mio è stato un inizio come tutti gli altri. Anche perché ho mandato il mio primo racconto ad un concorso di nascosto da mio padre. Certo in casa mi è capitato di avere maggiori stimoli, anche senza volontà e senza piani.

Quali sono le sue "radici" letterarie?

F in da piccola sono stata accanita lettrice di fumetti, i manga, che ho sempre considerato una forma di letteratura. Tra gli scrittori occidentali il mio preferito è Lawrence.

E qual è la colonna sonora del suo lavoro?

M i piacciono i Nirvana, i PreFab Sprout, Mike Oldfield.



27 febbraio 1998