Il teatro nascosto nel romanzo

“Quali rapporti intercorrono tra teatro e letteratura? Perché accade sempre più spesso che il teatro non si curi dei testi di drammaturgia per appassionarsi invece a opere non specificamente scritte per la scena? Che cosa cerca il teatro nel romanzo? E, in questa ricerca, è solo il teatro a trarne dei benefici o invece si tratta di un rapporto di reciprocità in cui è anche il romanzo ad arricchirsi?”

Aldo Carboni
Il talento e la passione. Ritratti italiani

“L'Italia per me è stata una trappola meravigliosa: sono arrivato che ero ragazzo, pensavo di fermarmi poco: sono passati 26 anni e sono felice di essere ancora qui. “ (Ferzan Ozpetek)

Kjell Ola Dahl
Un piccolo anello d'oro

“Con pazienza lasciò vagare lo sguardo al di là della finestra, c’era ben poco su cui potersi soffermare, a parte l’edificio giallo dell’internato. Il posto sembrava senza vita. Non si riusciva a scorgere nessuna traccia visibile di attività.”

Maurizio Ferraris
Dove sei? Ontologia del telefonino

“Dunque, i telefonini c’erano già ai tempi di Kafka, e senz’altro esistevano prima del telefono fisso: erano lettere e prima ancora iscrizioni, magari tavolette di argilla o di cera.
…..
Ho solo descritto qualcosa che c’era da sempre, e che adesso è diventato solo più potente, come tutto, del resto, grazie al telefonino.”

Rebecca C. Pawel
Morte di un nazionalista

“Ho cominciato a provare interesse per la Falange verso la fine dei corsi universitari”:Vedendola aggrottare la fronte, Tejada comprese che lei aveva colto la sua approssimazione nel dirle quando aveva effettivamente aderito alla formazione politica. “Mi sembrava un partito in grado di fornire molte risposte alle domande che mi ponevo.”

Luciana Scepi
La morte viene dal mare

“Sentiva di non essere più quello di una volta, pronto di riflessi, capace di cogliere e sfruttare al momento giusto ogni occasione che il destino gli offriva.”

24 marzo 2006