GUIDE E MANUALI

Mariano Sabatini
Trucchi d’autore

La tecnologia aiuta la creatività?
Non credo. Il computer evita il rodimento per l’errore, rodimento che però serve.”

Alberto Bevilacqua



Ecco un libro che non dovrebbe mancare sulle scrivanie degli aspiranti autori, così come molti altri documenti scritti da autori più o meno celebri che raccontano la loro esperienza di scrittura, o quella dei colleghi, e tutto il mondo che attorno a essa gira. Ultimo in ordine cronologico Le umiliazioni non finiscono mai, a cura di Robin Robertson (Guanda).
Per carpire i piccoli, ma importanti segreti, di un bel gruppo di autori italiani, Sabatini ha scelto la forma dell’intervista, con domande mirate a ogni singolo interlocutore, ma che nell’insieme ricostruiscono la meraviglia e il fascino della scrittura attraverso le piccole abitudini e i riti del lavoro. Dal luogo in cui nascono le opere allo strumento utilizzato per crearle (penna, computer, macchina da scrivere), al sottofondo preferito per immaginare (dal silenzio alle più originali musiche) ai tempi di realizzazione di un libro, e così via.
E se a rispondere a questi quesiti sono Agnello Hornby, Avoledo, Bevilacqua, Camilleri, Carlotto, Culicchia, Faletti, Mastrocola, Oggero, Ramondino, Vichi, tra i tanti, si può capire che il libro scatenerà l’interessa di tutti coloro che vogliono ripercorrerne le orme e giungere alla pubblicazione.

Qualche sottofondo musicale adatto per scrivere?
Vivaldi per Luigi Malerba
Il jazz per Andrea Camilleri. Perfetto il cd Blue Note: A story of Jazz
New Age per Giorgio Faletti. Ad esempio Best of New Age o The Best in New Age
Tutto Leonard Cohen per Giancarlo De Cataldo
Dulce Pontes la preferita di Franco Scaglia
Canti gregoriani o techno per Aldo Nove
Richard Wagner, le arie strumentali, sono il sottofondo preferito per Giuseppe Culicchia
Verdi, Mozart, Puccini, Donizetti e Saint-Saen per Simonetta Agnello Hornby
Il tango è il genere che ha ascoltato ultimamente Alberto Bevilacqua. Tra i tanti citiamo Libertango. Pasion de tango! di Astor Piazzola

Di Giulia Mozzato

Trucchi d’autore di Mariano Sabatini
252 pag., 10,00 Euro – Edizioni Nutrimenti
ISBN 88-88389-48-2

Le prime righe

All'opera!

"Me ne sono capitate tante che potrei scriverci un libro..."; "La mia vita è come un romanzo..."; "Se scrivessi la mia storia, ne verrebbe fuori un racconto di av-venture...."; "Se solo avessi tempo potrei farne un romanzo...". Quante volte abbiamo ascoltato simili frasi? Dettate dall'ingenuità, dalle false idee che si hanno sull'attività dello scrivere. Quasi tutti - tutti, direi - almeno una volta, seppure allo 'stadio gassoso', hanno sognato di sedersi alla scrivania immaginandosi novelli Manzoni, Hemingway in erba, piccoli Maupassant. Perché non vi mettete all'opera!?, mi verrebbe da rispondere a quei velleitari, inclini alla lagna.
Sembra facile, come ha dichiarato Melissa P., 'famigerata' autrice di Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire. Del suo libro è stato detto che "poteva scriverlo qualsiasi battona di cavalcavia", le ha ricordato Giancarlo Perna. E la minuscola scrittrice siciliana ha risposto: "Giudizi morali che non mi interessano. Vorrei poi vederla la battona. Sembra facile". Come darle torto? Sembra facile...

© 2005, Nutrimenti


L’autore

Mariano Sabatini, 34 anni, giornalista e autore televisivo, ha collaborato con molti programmi di successo e ha condotto su Radio Due una rubrica di recensioni cinematografiche. Sul quotidiano .COM firma ogni giorno la rubrica di media ‘Zanzare & tigri’, ed è editorialista di Metro. Nel 2001 ha pubblicato il libro-intervista a Mario Monicelli, La sostenibile leggerezza del cinema.


12 dicembre 2005