Nicole Krauss
La storia dell’amore

“Poi un giorno mi ritrovai a guardare fuori dalla finestra. Forse stavo contemplando il cielo. Metti chiunque, anche uno scemo, davanti a una finestra e avrai uno Spinosa”.

Negli Stati Uniti il successo è stato immenso: critica e pubblico si sono ritrovati in questo romanzo che, come ha scritto Coetzee, è “tenero, affascinante, originale”. Immergersi nella lettura di questa storia, drammatica ma al contempo delicata, riavvicina alla vita. Tra le Cavie di Palahniuk e i Lunar Park di Bret Easton Ellis, tra una narrativa che nell’estremo sembra trovare l’unica via per raccontarci il reale, leggere questa “storia” catapulta in un altro mondo. Un mondo di valori perduti, di tempi lontani, di sogni infranti diventati, solo in apparenza, degli incubi.
Protagonista del romanzo è Leopold Gursky, un anziano ebreo che vive a New York nella più completa solitudine. Fuggito da un’Europa devastata dalle atrocità della guerra ha imparato a rendersi invisibile: quello che ha visto da bambino, le persecuzioni razziali nella sua Polonia l’hanno reso diffidente verso il mondo. Diffidente, ma non indifferente. Ha solo espiato una non colpa: quella di sentirsi braccato. Da qui il desiderio-obbligo di rendersi invisibile: sino a quando la paura di Leopold diventa quella di non aver lasciato alcuna traccia, di morire senza che nessuno si sia accorto del suo passaggio. E così inizia un comico balletto esistenziale: cerca di fare di tutto per essere notato. Compra da bere anche se non ha sete, fa cadere le monete sul marciapiede, entra nei negozi per provare di tutto senza poi comperare nulla, decide persino di rispondere ad un annuncio di una scuola d’arte che cerca modelli di nudo.
Da qui in poi inizia un viaggio, nella memoria delle parole e nelle parole della vita, che illumina non solo la sua esistenza, ma anche la nostra di lettori. Rimaniamo incantati, come in una fiaba, alla tragedia di questa solitudine che non è mai troppo rumorosa. Ma tenera. La tenerezza è il sentimento che traspare in ogni pagina. A Leopold, malgrado le sue stravaganze (o forse proprio per questo) ci si affeziona. È una di quelle persone di carta che, anche a libro finito, ti accompagnano per un bel po’. E’ uno di quei personaggi che vorresti conoscere, incontrare, a cui vorresti telefonare per chiedere un consiglio, piangere un po’ o farti una risata. E non è certo un caso se Alfonso Cuaron, già regista di Harry Potter, abbia deciso di trarne un film.

Di Gian Paolo Serino

La storia dell'amore di Nicole Krauss
Titolo originale: The History of Love
Traduzione di Valeria Raimondi
299 pag., Euro 15,00 - Guanda (Narratori della Fenice)
ISBN: 88-8246-795-3

Le prime righe

LE ULTIME PAROLE SULLA TERRA

Quando comporranno il mio necrologio. Domani. O dopodomani. Scriveranno: LEO GURSKY LASCIA UN APPARTAMENTO PIENO Di MERDA. Sono sorpreso di non esserci rimasto sepolto vivo. Il posto non è grande. Faccio fatica a tenere sgombro un passaggio fra il letto e il bagno, fra il bagno e il tavolo della cucina, fra il tavolo della cucina e la porta d'ingresso. Se voglio andare direttamente dal bagno alla porta d'ingresso... impossibile: devo passare accanto al tavolo della cucina. Mi piace immaginare il letto come antipasto, il bagno come prima portata, il tavolo della cucina come seconda, la porta d'ingresso come terza: se suona il campanello quando sono a letto devo girare intorno al bagno e al tavolo della cucina per arrivare alla porta. Se per caso è Bruno, lo faccio entrare senza dire una parola e me ne torno a letto, con il fragore dell'invisibile folla nelle orecchie.
Spesso mi domando chi sarà l'ultima persona che mi vedrà vivo. Se dovessi scommettere, scommetterei sul ragazzo del take away cinese. Mi faccio portare la cena quattro sere alla settimana. Ogni volta che arriva faccio una gran scena prima di trovare il portafogli. Lui resta fermo sulla soglia con il sacchetto unto in mano mentre io mi chiedo se sarà questa la sera in cui, finito l'involtino primavera, mi trascinerò fino al letto e morirò di infarto nel sonno.

© 2005 Ugo Guanda Editore


L’autrice

Nicole Krauss è nata nel 1974 a New York, dove vive. Oltre alla Storia dell’amore, ha pubblicato il romanzo d’esordio Man walks into a room e racconti su “The New Yorker” e “Esquire”.


28 ottobre 2005