GIALLI STRANIERI - GIALLI ITALIANI
Nicolas Bouchard
La mia ombra su di voi

“Un silenzio spaventoso calò sulla stradina che costeggiava la Vienne. Augustine avrebbe voluto distogliere lo sguardo, ma non poté fare a meno di guardare e quello che vide le strappò un grido d’orrore.”

Jeffery Deaver
La dodicesima carta

“Amelia fece una rapida finta, tenendosi bassa e guardando a sinistra dietro l’angolo. Intravide l’uomo, con il volto rilassato e una grossa pistola nera in mano. Non era la piccola North American calibro 22 magnum, ma un’automatica, probabilmente con munizioni convenzionali e un caricatore da quindici colpi.”

Chuck Hogan
Il principe dei ladri

“La cosa più strana era che aveva voglia di raccontarle tutto. Era lui stesso stupito di quel desiderio di sincerità, la cappa di menzogna che lo sovrastava lo faceva sentire in qualche modo protetto.”

Kay Hooper
La veggente

“Tu sei qui perché lui ti vuole qui. I soldi non c’entrano. Non ci sono mai entrati. Lui sta giocando. Confronta le sue capacità e il suo ingegno con te. Te, personalmente. E si fermerà soltanto quando ci sarà un vincitore.”

Leonid Juzefovic
Il costume da Arlecchino

“Gli assassini erano entrati in casa tra le otto e le dieci di sera, mentre il principe von Arensberg riposava e la porta che dava sull’esterno era aperta. Dapprima si erano nascosti nel vestibolo, dietro l’appendiabiti, forse; ma dopo che il principe era uscito, si erano trasferiti in salone. Si erano seduti con i piedi sul davanzale, dietro la tenda. Avevano sbevazzato un po’ di vodka. Avevano aspettato il loro momento, avevano commesso il delitto, avevano preso la chiave dal tavolino ed erano usciti.”

Robert Ludlum e Gayle Lynds
L'alleato

“Non esistono divisioni, navi, carri armati o aerei in grado di proteggere i vostri codici e sistemi elettronici”, disse il presidente con pacatezza. “Il fatto è che chiunque possieda, adesso, un computer a DNA funzionante, è in grado di renderci impotenti prima ancora che si riescano a sviluppare difese adeguate.”
Alexandra Marinina
Nome della vittima: Nessuno

“Non c’è nulla di certo, bimba. Conosci il nostro sistema. Arrivano persino ad annullare i decreti approvati il giorno prima, figurarsi quelli non ancora firmati… Non dimenticare che abbiamo avuto anche un ministro che è durato un solo giorno. Il giorno prima l’avevano nominato e quello successivo destituito. Quindi non farti prendere dallo sconforto prima del tempo.”
Justo Navarro
L’anima del controllore di volo

“Ho passato anni ad aspettare, ho aspettato in venti città diverse che alzassero il ricevitore del telefono nella casa del Paseo de la Bomba, dove hanno vissuto Dominique e mio cugino, e ho vissuto aspettando che Dominique mi chiamasse, e ho vissuto temendo che mi chiamasse e apparisse per spazzare via la mia vita.”
Leif GW Persson
Un altro tempo, un’altra vita

“L’omicidio di Kjell Eriksson – disse Johansson – Te lo ricordi?
Lo ricordo molto bene, visto che sono stato io a trovarlo – rispose Jarnebring – Bäckström era il responsabile dell’indagine, e dato che Wiijnbladh era quello che era... non è poi così strano che le cose siano andate come sono andate.”
Elizabeth Peters
Il faraone assassino

“Crede il lettore nella magia, nei tappeti volanti delle vecchie favole d’Oriente? Naturalmente no; ma sospenda per un momento il suo scetticismo e permetta alla magia della parola scritta di trasportarlo per migliaia di miglia di spazio e molte ore di tempo a una scena tanto diversa dall’umida, fredda e cupa Inghilterra da sembrare un altro pianeta. Immagini di sedere con me sulla terrazza dell’hotel Shepheard, al Cairo. Il cielo è d’un brillante blu porcellana.”

29 luglio 2005