GIALLI ITALIANI - GIALLI STRANIERI
Luigi Bernardi
Musica finita
Una storia criminale

“Torino le aveva fatto antipatia, subito, appena scesa dal pullman dell’aeroporto. Era una città dove tutto era troppo grande, a misura di gigante. I portici alti, le strade larghe, le piazze enormi, persino il fiume le aveva messo soggezione, lei che era nata con il mare negli occhi.”

Pietro Borromeo
L’ombra del Bafometto

“Non lo so, forse non è nulla di importante, però ho notato una cosa: mentre la figura del Bafometto che appare sui nostri anelli e sul mio biglietto intimidatorio è inserita in una stella a cinque punte capovolta, quella trovata in quei covi satanici campeggia su una stella a sei punte, un doppio triangolo e questo non è corretto. E anche in quella fotografata da Colasanti a Praga è giustamente inserita nella stella a cinque punte.”
“Insomma, le immagini del Bafometto della setta satanica sarebbero sbagliate e questo...”

Renata Di Martino
La bambola cinese

“Criscuolo si fece coraggio. Quello era il momento più brutto del suo lavoro. Sapeva che non si sarebbe mai abituato alle scene di morte. Rabbrividiva al pensiero di quello che toccava vedere ai soldati in guerra, e a quanto fosse difficile uscire indenni nella mente dopo certe visioni.”

Giovanni Heidemberg
Ho ucciso un poeta

“Gli autori! Nevropsicotici con ego smisurati e pulsioni inconfessabili. Bisognosi di conferme e rassicurazioni che poi non accettano. Altro che da analista tocca fargli! Almeno gli stranieri, lontani migliaia di chilometri! Libri già fatti. Resta da tradurli, mandargli qualche royalty e fine della storia! I nostri nessuno li vuole, nessuno li legge, l’incantesimo è rotto.”

Sandro Ossola
L’ussaro nel freezer

“Non si sente un epigono di Philip Marlowe mentre sale in ascensore. E avanzando lungo il ballatoio, guardandosi in giro per essere sicuro che nessuno lo noti, si sente più vicino a un guardone, a come gli sbirri vedono uno che fa il suo mestiere: una via di mezzo tra un pervertito e un ricattatore.”

Chiara Palazzolo
Non mi uccidere

“Mirta, che striscia verso la baita, con il corpo irrigidito, coperto di macchie, e gli occhi annerati dalla morte, mordendo la terra, e strisciando.”

29 luglio 2005