Jamaica Kincaid
Mr. Potter

“Mr. Potter era nato il settimo giorno di gennaio del millenovecentoventidue nel paese di English Harbour nella circoscrizione di St. Paul. Sua madre si chiamava Elfrida Robinson e suo padre si chiamava Nathaniel Potter. E Nathaniel era il padre di undici figli con otto madri diverse e Mr. Potter era l’ultimo dei figli di Nathaniel…”

David Leavitt
Il corpo di Jonah Boyd

“La mia teoria è che le mete che dovremmo raggiungere – nell’arte, nella vita, nei rapporti – sono prestabilite. Solo che ci sono strade più corte e strade più lunghe. Lo stesso vale per i romanzi. Nei romanzi posso accettare le coincidenze se l’obiettivo è far arrivare il racconto più in fretta là dove sarebbe arrivato comunque.”

Celia Rees
Pirate
Le vere straordinarie avventure di Minerva Scarpe e Nancy Kington, donne pirata

“’Donne pirata!’ Il capitano fissava Minerva e me con disgusto. ‘Per la barba del demonio! come se non ne avessimo già abbastanza. Cosa arriverà dopo, un capitano in sottoveste?’ Tamburellò con le dita e ci guardò con occhi più gelidi del mare d’inverno. ‘Rapite, dite voi?’ Si rivolse a William. ‘Costrette a seguirli? Mai sentito niente del genere’. Alzò le braccia al cielo”.

Maddalena Sisto
Immagini e interpretazioni del mondo di Mad

“Maddalena Sisto è un caso serio di scuola senza autorità. Non ha voluto essere maestra, né ha lasciato allievi, eppure molti vogliono e possono essere o sentirsi suoi studenti.”
(M. Finazzer Flory)

Maj Sjöwall, Per Wahlöö
Roseanna

Era giovane, e lui era convinto che fosse stata bella. Doveva pur aver avuto qualcuno che la amasse. Qualcuno che le stesse vicino e che ora si stava chiedendo che cosa le fosse successo. Doveva avere amici, colleghi di lavoro, genitori, forse fratelli. Nessuna persona, in particolare una donna giovane e bella, è così sola da non avere nessuno che la cerchi quando scompare.

Marco Varvello
Dimentica le Mille e una notte
Salima, diciassette anni, sposa per forza

“E allora sappi che i genitori esistono proprio per guidarti, aiutarti, prepararti la strada. Noi possiamo vedere le cose più chiaramente, abbiamo più esperienza, possiamo leggere nelle persone con l’occhio della mente, non solo quello del cuore.”

15 aprile 2005