Mario Biondi
Strada bianca per i Monti del Cielo

“A Shakrisabz, la ‘città verde’, nei cui pressi è nato Tamerlano, sul piazzale a lui dedicato, davanti agli immensi resti del suo palazzo ( e ai piedi del suo immancabile monumento) sfilano sposi a decine in un tripudio di aiuole fiorite e getti d’acqua, preceduti da ragazzi che si spolmonano a soffiare in certi lugubri, stonati e lunghissimi tromboni.”

Adolfo Bioy Casares
Un leone nel parco di Palermo
Racconti 1948-1962

“Voi credete che l’ambiente naturale dell’uomo sia la civiltà, ma io vi domando: non potrebbe essere l’uomo una bestia intelligente ma feroce che, predestinata a suicidarsi, ha inventato la civiltà, strada lunga e tortuosa, per arrivare all’obiettivo di divorarsi da sé, come una spregevole iena priva di pietà?”

Giuseppe Culicchia
Torino è casa mia

“I torinesi in coda, difficilmente aprono bocca. In quanto torinesi, ritengono non lo si debba fare, visto che sia le persone davanti a loro sia le persone dietro a loro appartengono alla categoria ‘estranei’. E se inopinatamente qualcuno davanti o dietro a loro apre bocca, i torinesi lo guardano con l’aria di chi pensa: ‘Ma cos’ha questo/a da aprire bocca, in coda, rivolgendo la parola a degli estranei?’.”

Frederick Exley
Appunti di un tifoso

“Per me non era possibile usare i sistemi grazie ai quali mia madre viveva in armonia con l’orrore moderno…”.

Ignacio Padilla
Ombre senza nome

A partire da quella sera gli incontri di Dreyer con il colonnello Eichmann si erano moltiplicati in modo pericoloso. Uniti dalla comune passione per gli scacchi, si addentravano per ore in conversazioni che immancabilmente finivano in ciò che Eichmann chiamava la questione ebraica.

Boris Vian
La schiuma dei giorni

Chloé lo guardò di nuovo. I suoi occhi erano azzurri. Agitò la testa per ricacciare indietro i capelli, arricciati e luminosi, e, con un gesto deciso e determinato, applicò la sua tempia alla guancia di Colin.
Tutt’intorno si fece un abbondante silenzio, e la maggior parte del resto del mondo si mise a contare come il due di picche.”

8 aprile 2005