MUSICA, CINEMA, SPORT

Emanuela Audisio
Tutti i cerchi del mondo
I volti, i paesi, le storie che fanno un’Olimpiade

“Arriveranno. Dall’Africa. A giocare nache loro con i cinque cerchi. Ma al loro gioco. Segreto. Misterioso. Antico. Oui, monsieur, Yes, sir. Gente rispettabile. Magari solo un po’ eccentrica nel vestire. Come Jean-Michel Evina, pelli e corna, unghie, ossa d’animali appesi al collo, ai polsi e persino alle caviglie, che se ne andrà in giro per Atene.”

Tempo di Olimpiadi: tutti pronti davanti ai televisori ad emozionarci per le imprese dei migliori atleti del mondo. Ma, tra una passeggiata, un bagno nel mare e una finale, rimane di certo il tempo per conoscere un po’ di più il mondo che gira intorno ai cinque cerchi olimpici. Ci aiuta in questo il bel volume di Emanuela Audisio che sa raccontare con passione storie di uomini e di donne che hanno affrontato le gare dopo aver superato mille difficoltà, storie di medici, di allenatori, di coloro che permettono all’atleta, senza mai apparire, di conquistare un primato o di superare i propri problemi fisici o psicologici. Dal più lontano Oriente alla più povera terra africana al ricco Occidente: tutto il mondo vibra intorno a quel momento magico in cui lo sport ha significato, fin dall’antichità, la possibilità di dialogo e di pace per i tanti popoli che lealmente entrano in positiva competizione dimenticando, o forse cercando di superare, le divisioni profonde e gli scontri più cruenti.

Tutti i cerchi del mondo. I volti, i paesi, le storie che fanno un'Olimpiade di Emanuela Audisio
170 pag., Euro 13,00 – Edizioni Mondadori (Strade blu)
ISBN: 88-04-53019-7

L’incipit

Prefazione

Non ci si abitua alle Olimpiadi. Non c'è modo. Hanno scale troppo rarefatte. Uniche. Nomadi. Ogni quattro anni. Un doppio passo. Duro da tenere. Ogni volta bisogna ridosare il fiato. Partenze e arrivi, contati da uno spazio temporale. Lunghissimo. Le Olimpiadi, puoi prenderle di petto, di striscio, dargli le spalle. Accarezzarle, offenderle. Pensare che non lasciano effetti collaterali. Se le guardi negli occhi, viaggi. Dal blu al nero, dal verde al grigio, dall'azzurro al marrone. Tutti i colori del mondo: Americhe, Europa, Africa, Asia, Oceania. Vedi. La storia. La fatica dell'uomo per uscire dalla caverna. Dalla clava al giavellotto. Quella della donna, per non essere più vestale. I popoli, le religioni, le guerre. La politica, gli equilibri, le bandiere. È una sabbia antica, ci sono passati in tanti, affondando sempre i piedi. Impronte con voglia di restare. Qualcosa è per sempre.

© 2004 Arnoldo Mondatori Edizioni


L’autrice

Emanuela Audisio è nata a Roma nel 1953 e ha vissuto per lungo tempo all’estero. È inviato speciale della “Repubblica” ed è stata la prima giornalista italiana a seguire con continuità i Giochi olimpici, le Coppe del Mondo di calcio, i Mondiali di boxe, le Coppe del mondo di calcio, i Mondiali di boxe, di atletica, di basket. Ha scritto Bambini infiniti.


Di Grazia Casagrande


29 luglio 2004