NARRATIVA ITALIANA - NARRATIVA STRANIERA
NARRATIVA ITALIANA
Gianrico Carofiglio
Ad occhi chiusi

"Ci sono sere in cui sai già che si prepara una notte di insonnia. Non è che ci sia un segno speciale, eclatante ed inequivocabile. Semplicemente lo sai. Quella sera lo sapevo."

Barbara Garlaschelli
Sorelle

"La sera prima Amelia e Virginia lo avevano invitato a bere qualcosa dopo che era rientrato dal giro in città, in quella specie di rito che mettevano in scena per lui da alcune settimane e a cui si era prestato volentieri. Vederle affaccendarsi attorno a sé gli dava un senso di euforia."

Vitaliano Trevisan
Shorts

"Gli alberi non parlano, non comunicano tra loro né tantomeno comunicano con noi. Così ci è stato insegnato. Tutto ciò che uno può vedere, guardando un albero, non è che un albero; e tutto ciò che uno può pensare di quell'albero non viene dall'albero, che non dice nulla, ma da lui stesso."


NARRATIVA STRANIERA
Juan Chabás
Porto d'ombra

"Lei prese i garofani con entrambe le mani, raccogliendo nel grembo il mazzolino quasi disfatto, ancora bagnato. Volle che lui stesso lo odorasse sulla sua gonna. La fragranza dei garofani si confondeva con i profumi della toilette insieme all'alito ancora umido di sapone, tiepido di sangue pulsante, delle sue braccia nude e trasparenti sotto la seta finissima della mantellina color cotogna. E Adolfo dovette subito allontanare la testa da quella delizia intima e alzare gli occhi per guardare quelli di sua zia, umidamente dolci per aver pianto. Lei gli mise una mano sul capo e gli accarezzò i capelli delicatamente fermandosi sulla nuca e attraendolo con dolcezza fino alla sua bocca, che si aprì sulla sua fronte con una pressione lenta e tremante".

Penelope Fitzgerald
La casa sull'acqua

"« ...Tu sai benissimo che noi due siamo della stessa razza, Nenna. Per noi è giusto vivere dove viviamo, tra terra e acqua. Tu, mia cara, sei mezza innamorata di tuo marito, poi c'è Martha che è per metà bambina e per metà ragazza. Richard che non riesce a rinunciare a essere per metà della marina, Willis che è mezzo artista e mezzo scaricatore di porto, una gatta che è mezza viva e mezza morta...».
Si fermò prima di descrivere se stesso sempre che avesse avuto l'intenzione di farlo".

Uwe Timm
La scoperta della currywurst

"Sì, sono io che ho inventato la currywurst.
E come?
È una lunga storia lunga, disse. Ce l'hai un po' di tempo?
Sì che ce l'ho.
Magari, disse, la prossima volta mi porti una fetta di torta. E io ti preparo il caffè."


27 febbraio 2004