LETTERATURA E VITA

Haydn Middleton
L'ultima fiaba dei fratelli Grimm

"L'opera non è soltanto mia - precisò Grimm con un sorriso. - Ho raccolto le Fiabe con il mio compianto fratello minore. Inoltre abbiamo avuto a disposizione un materiale ricchissimo, nelle storie che ci ha raccontato la gente comune dell'Assia... In realtà non abbiamo fatto altro che restituire al Volk quanto un tempo gli apparteneva."

Molto particolare questo libro dell'autrice inglese Haydn Middleton che si sviluppa su due tematiche e due registri differenti raccontando altrettante storie molto diverse tra loro ma non per questo così lontane. Nei capitoli scanditi da numeri pari viene narrata, in una versione nuova e originale, la tradizionale fiaba della Bella addormentata nel bosco, con una madre temprata dalle disgrazie della vita che tra i tanti figli conta il Principe della favola per antonomasia e si rivela essere anche la strega cattiva che lancia la sua terribile maledizione contro la bella neonata. Il racconto non finisce con il risveglio della principessa e le nozze, ma prosegue verso una punizione assoluta della donna, una completa catarsi. I capitoli contrassegnati da numeri dispari, invece, narrano la storia dei fratelli Grimm e in particolare quella di Jacob, sopravvissuto al fratello minore Wilhelm, che intraprende un viaggio, l'ultimo prima di morire, nelle sue terre natali in Assia, in compagnia della nipote Auguste, figlia del compianto fratello ma così legata allo zio da vedere in lui la figura di un secondo padre ribattezzato addirittura Apapa. Li accompagna il servo Kummel, che cerca di nascondere la sua identità ebraica in una Germania già percorsa da forti tematiche razziste e nazionaliste, e che si innamora di Auguste ma incontra sulla sua strada l'ostilità del vecchio Jacob. Accanto alla narrazione di viaggio si sviluppa anche quella, ricostruita attraverso i ricordi di Jacob, relativa al lavoro di ricerca e di riscrittura dei testi che hanno composto il grande lavoro delle Fiabe. Un omaggio indubbio, scritto dalla Middleton in modo particolarmente avvincente, al valore dell'opera dei fratelli Grimm, alla loro capacità inventiva e all'abilità nel riproporre storie tradizionali raccontate con parole nuove e rese improvvisamente, proprio per questo, molto più interessanti.

L'ultima fiaba dei fratelli Grimm di Haydn Middleton
Titolo originale: Grimm's Last Fairy Tale
Traduzione di Paola Capriolo
264 pag., Euro 15,00 - Editore Instar Libri (Narrativa/Mente n. 18)
ISBN: 88-461-0055-7

Le prime righe

Prologo

Da lontano i pini sembravano azzurri, color dell'erica, e si innalzavano oltre le mura della sua cittadina come un vasto oceano inclinato. Nelle ventose notti di luna li osservava incantato incresparsi in lievi e maestose maree, mentre gli olmi fuori del Rathaus, i faggi nella piazza del mercato e il pesco solitario davanti alla finestra avevano l'aspetto di tristi relitti che il vento trascinava per poi lasciare indietro.
Quando era ancora un bambino gli era proibito addentrarsi nella foresta, ma spesso ne aveva percorso i margini per raccogliere sterpi. Gli piaceva trovarsi lì quando il sole calava e il fulgore del suo disco di fuoco restava intrappolato per un istante sotto il baldacchino degli alberi. Nessun artista aveva mai creato una simile miscela di colori.
Tuberi e viticci dalle tinte calde brillavano su densi strati di sfagni. Arbusti opalescenti catturavano i bagliori dei rampicanti che ondeggiavano. Negli umidi recessi coperti di strame, l'ocra si mutava in castano, l'ambra in rame, lo smeraldo in verde oliva poi in un più scuro color salvia, finché il nero della notte non inghiottiva anche queste ultime faville.
Ma per bella che fosse la foresta, il suo richiamo di sirena era il silenzio. Nel suo folto più folto, aveva detto un giorno una vecchia venditrice ambulante, la quiete era tale che si sentivano vibrare le corde del cuore.

© 2003 Edizioni Instar Libri


L'autore

Haydn Middleton è nato a Reading (Berkshire, Inghilterra) nel 1955. Dopo la laurea al New college di Oxford ha dapprima lavorato nella pubblicità per poi dedicarsi allo studio e all'insegnamento della storia. I suoi interessi spaziano dai miti e dalle leggende inglesi alle biografie di illustri personaggi contemporanei. È autore di numerosi saggi per adulti e bambini. Prima di questo romanzo ha scritto altri cinque romanzi di successo.


Di Giulia Mozzato


16 gennaio 2004