Per i più piccoli - Primi lettori - Per i più grandi - Guide e manuali - Mille ricette - Un'idea per tutti


Sabina Guzzanti
Il diario di Sabna Guzz
Con videocassetta


La polemica legata alla sua ultima trasmissione televisiva, sospesa, a oggi, senza possibilità di appello, ha riportato Sabina Guzzanti sulle prime pagine dei quotidiani. Ma chi da sempre apprezza il suo modo di fare satira, il suo umorismo intelligente e non certo improvvisato, non ha bisogno di questa sgradita pubblicità per ricordarsi di lei. Ecco dunque un regalo di Natale adatto agli amici che la amano: un libricino, intitolato Il diario di Sabna Guzz, dove l'attrice-autrice racconta gli ultimi tre anni di attività artistica (ma senza dimenticare la realtà socio-politica che la circonda) attraverso la voce del suo alter ego Sabna Guzz, e una videocassetta che raccoglie alcuni dei momenti migliori dei suoi spettacoli televisivi, con le caricature che l'hanno resa famosa: da Valeria Marini a Silvio Berlusconi, da MassimoD'Alema a Irene Pivetti e a Moana Pozzi. 42 brani per un totale di 65 minuti di divertimento, con il meglio dei personaggi comici della "ragazza terra e sapone".

Il diario di Sabna Guzz. Con videocassetta di Sabina Guzzanti
X-231 p., Euro 19,00 – Editore Einaudi, 2003 (Einaudi tascabili. Stile libero. Video n. 1176)
ISBN: 88-06-16712-X



Le prime righe

10 gennaio 2001.

C'è questa ospitata che dovrei fare all'Ottavo nano. Vogliono Berlusconi. Mi scoccia fare cose già fatte, ma in questo momento li capisco. Dicono che nel programma si prende in giro solo Rutelli e che per par condicio ci vuole pure Berlusconi.
Questa storia della par condicio nella satira è una delle tante puttanate che abbiamo accettato acriticamente. E pazzesco: quello ha canali Tv, giornali, squadre di calcio, assicurazioni, controlla tutta la pubblicità, un partito, ora pare che rivincerà le elezioni, e sono tutti concentrati sull'equità dei programmi comici e di quelli di Santoro. Un mondo di pazzi, come il cappellaio matto, come il Mondo alla rovescia di Gianni Rodari, come i giapponesi che quando esce il sole aprono l'ombrello.., ma magari! Non c'è niente di surreale, solo prepotenza.
Non mi va di rimettermi il naso finto e farmi spennellare la colla sulla faccia per fare il verso a questo scherzo della sociologia. Se mi viene un'idea buona lo faccio, sennò no. L'ho detto a Valerio, l'ho mandato a dire a Corrado e alla Dandi.

© 2003 Edizioni Giulio Einaudi Editore


L'autrice

Sabina Guzzanti è diplomata all'Accademia nazionale d'arte drammatica "Silvio D'Amico". Dalla fine degli anni Ottanta a oggi ha scritto e interpretato numerosissimi spettacoli teatrali come attrice solista, dal primo, Il tempo restringe (1987), fino al più recente Giuro di dire la varietà (2002). In televisione ha partecipato, in qualità di autrice e attrice, a trasmissioni di culto come L'Araba Fenice di Antonio Ricci, La tv delle ragazze, Avanzi, Tunnel, Pippo Chennedy Show, La posta del cuore e L'ottavo nano. Per il cinema ha scritto e interpretato Troppo sole di Giuseppe Bertolucci e, nel 2002, ha debuttato nella regia con Bimba.

il libro successivo...



dicembre 2003