Per i più piccoli - Primi lettori - Per i più grandi - Guide e manuali - Mille ricette - Un'idea per tutti


Frédérique Crestin-Billet
Carte da gioco


La collana Passione collezionismo della Fabbri presenta una serie di libri, in un formato maneggevole e originale, che presentano dettagliatamente alcune delle collezioni più diffuse tra gli appassionati. Un ottimo regalo di Natale per chi conosce bene i gusti degli amici. C'è l'appassionato di carte nell'elenco delle persone a cui vogliamo fare un piccolo dono? Ecco il libro giusto. Dalle più antiche e rare a quelle di fabbricazione più recente, Carte da gioco presenta fotografie e dettagliate descrizioni di carte di tipologie tra loro molto differenti: da gioco tradizionali, ma con rivisitazioni anche molto particolari del disegno classico; di fantasia, con i semi ma con originalissime interpretazioni delle illustrazioni; educative, per imparare qualcosa giocando; divinatorie, per predire la sorte con tarocchi o con carte realizzate appositamente. Non solo un "repertorio" per chi già ha inaugurato con qualche mazzo una collezione, ma anche un suggerimento per chi non ci ha mai pensato fino a oggi, ma che improvvisamente può scoprire una passione.

Carte da gioco di Frédérique Crestin-Billet
Titolo originale: Cartes à jouer
Traduzione di Cristina Pradella
377 p., ill., Euro 16,00 - Edizioni Fabbri (Passione collezionismo)
ISBN: 88-451-8314-9



Alcune righe

Non pensate che questa pagina sia stata sgualcita o che sia dovuta a un difetto di stampa: semplicemente questa è la forma delle carte. Gli americani le chiamano crooked deck, che significa "mazzo di carte trasversali". Una cosa è certa: giocando con queste carte, sicuramente poco pratiche, verrete presi da una sorta di vertigine. A. Freed Noveltj Inc., New York, 1969.
Il gioco della mano fu tra quelli che passarono a Grimaud quando questi acquisì, nel 1890, la fabbrica di carte Pussey. Ideato da una certa Adèle Moreau, e composto da 56 carte divise in sette serie, distinte dai sette colori dell'arcobaleno. Oltre a consentire la pratica della chiromanzia, questo gioco reca anche la rappresentazione delle carte comuni in un piccolo riquadro, così da permettere anche questa altra forma di arte divinatoria. Il gioco è stato ripubblicato più volte da Grimaud. Questo è un modello originale del 1890.


© 2003, RCS Libri Edizioni


il libro successivo...




dicembre 2003