INDIA E OCCIDENTE - MUSICA CINEMA E LETTERATURA - OLTRE IL DOLORE
INDIA E OCCIDENTE
Anita Desai
Polvere di Diamante
e altri racconti

"Se quel mendicante avesse suonato in Occidente, i grandi teatri di ogni metropoli gli avrebbero spalancato le porte. Avrebbe suonato sotto i riflettori e il suo nome sarebbe stato sui manifesti, sui giornali, sulle labbra di tutti. Avrebbe fatto fortuna... ma in tal caso, sarebbe stato il cantante che era adesso, un'anima pellegrina, felice di sedere all'ombra della tomba di marmo un po' corroso del grande santo Nizamuddin, e di fargli omaggio della sua canzone?"

Jhumpa Lahiri
L'omonimo

"Perché essere stranieri, comincia a realizzare Ashima, è come una gravidanza che dura tutta la vita - un'attesa perenne, un fardello costante, una sensazione persistente di anomalia. È una responsabilità ininterrotta, una parentesi aperta in quella che era stata la vita normale, solo per scoprire che la vita precedente si è dissolta, sostituita da qualcosa di più complicato e impegnativo."


MUSICA CINEMA E LETTERATURA
Ilaria Borrelli
Domani si gira

"E poi penso: Che ficata questa storia che si svolge tutta in un ristorante. Sarà facile da girare poiché si tratta di una sola location e i produttori saranno felici che gli faccio risparmiare un sacco di soldi."

Davide Dileo
dianablu

"Comunque le mie vasche nel corso della città insieme agli amici le ho fatte, le sigarette di nascosto con il mio migliore amico le ho fumate, le dianablu, non costavano un cazzo e facevano pure schifo, e poi andavo alle feste."


OLTRE IL DOLORE
James Ellroy
Destination: Morgue

"L.A. dappertutto. L. A. come epidemia. Circo confinato in delirio draconiano. Mondo munifico di poliziotti preistorici, delinquenti disperati e tossici traditori. Ciclopico casino e ricettacolo di ricchioni e asettici asessuati à la page. Macroscopico mostro ritto sul retrotreno a ululare ursinamente. Cosmico e chiassoso caos sismicamente somministrato al sottoscritto."

Banana Yoshimoto
Arcobaleno

"Capii chiaramente a cosa mi stavo aggrappando in quel periodo. Era quello che mi aveva insegnato mia madre... per continuare a vivere, bisognava lavorare con serenità e procedere per la propria strada facendo attenzione a dove mettere i piedi per non restare coinvolti in questioni intricate."


5 dicembre 2003