LEGGERE L'AFRICA - CAPIRE L'AFRICA
LEGGERE L'AFRICA
J.M. Coetzee
Terre al crepuscolo

"Avevo dimenticato il terrore che la vita comunitaria degli ottentotti può suscitare negli animi tranquilli. Un cane scheletrico, legato per il collo a una roccia da una cinghia troppo corta per raggiungerla con i denti, batteva la coda per terra. Nell'aria gravava l'odore del palo del sacrificio. Gli occhi delle donne erano pieni di una desolata stupidità. Le mosche succhiavano il muco dalle labbra dei bambini. Nella sabbia c'erano sterpi bruciacchiati e il guscio di una tartaruga sbiancato dal fuoco. Ovunque la superficie della vita era riarsa dalla fame. Come potevano tollerare di vivere tra tutti quegli insetti?"

Nuruddin Farah
Mappe

"Ancora più a est, ma a nord, c'è un giovane fermo in una posa di tranquilla eleganza. Ora è adulto. Porta un fucile a tracolla. Distesa accanto a lui c'è una donna che soffre. Alla sua sinistra, sangue. Alla sua destra, un coltello macchiato di sangue secco."

Tierno Monénembo
Il grande orfano

"Secondo lo stregone Funga, l'anima del presidente Habyrimana, abbandonando la terra, avrebbe maledetto il Ruanda. Lo stregone Funga è un bugiardo. È da molto tempo che il Ruanda è maledetto. E lui sapeva bene, d'altronde. Non era tenero col paese, neppure ai tempi in cui tutto sembrava funzionare. Ne diceva di brutte cose quando gli uomini si riunivano per bere. ‘Qui il diavolo è dappertutto', proclamava."


CAPIRE L'AFRICA
Ulrich Beck
La società cosmopolita
Prospettive dell'epoca postnazionale

"Perciò, gli immigrati poveri vivono e operano in due sistemi di riferimento. Sono nello stesso tempo qui e là, si trovano situati in e tra contesti di diseguaglianze sociali e di conflitti politici diversi e incompatibili."

Michela Manservisi
African Style
Stilisti, moda e design nel continente nero

"L'Africa è un mito che più volte è riemerso nella storia della moda, come reazione alle eccessive tensioni tecnologiche o come ricerca di radici ritenute ancora pure. Un ciclico ritorno al moderno primitivismo pervade l'arte, il design d'interni, la moda, la società."

Gianpaolo Romanato
L'Africa nera fra cristianesimo e Islam
L'esperienza di Daniele Comboni (1831-1881)

"Ma, diversamente da tutti i suoi compagni tornati vivi in Europa, che non vollero più rimettere piede in Africa, appena giunto a Verona cominciò a pensare a come avrebbe potuto tornare in Sudan e riavviarvi la missione. Pochi amori sono stati tenaci e resistenti come l'amore di Comboni per l'Africa."


3 ottobre 2003