UN'ESTATE IN GIALLO

Norbert Davis
Appuntamento con il terrore

"Ci fu un lungo, sinistro boato che sembrava un tuono, ma più terribile e agghiacciante, e la terra cominciò a muoversi avanti e indietro lentamente e implacabilmente. Doan cadde lungo e disteso. Carstairs annaspò disperatamente per mantenersi in equilibrio, scivolò e cadde sulle mattonelle che erano scivolose per via dell'acqua che prima era nella vasca."

Imperversano le coppie detective+cane in film, telefilm e pubblicità. Ricordate Tom Hanks alle prese con un Dog de Bordeaux piuttosto invadente in Turner e il Casinaro? E la serie successiva di Tequila e Bonetti? Per non parlare de Il commissario Rex, dove un pastore tedesco collabora alle indagini del suo padrone, responsabile della sezione omicidi...
Ma la storia di questa "collaborazione" ha radici molto più "antiche" (qualcuno ricorda i mitici film dell'Uomo ombra con Nick, Nora e il cane Asta?) e in particolare ci riferiamo alla fortunata serie di romanzi gialli di Norbert Davis con protagonisti Doan & Carstairs, un investigatore privato "basso e piuttosto rotondo" e un enorme alano, "così grande che a stento poteva essere definito un cane. Era una sorta di nuova specie". Con Appuntamento col terrore (1943 nell'edizione americana), primo di questi romanzi, Davis ci presenta i suoi personaggi, facendoceli amare da subito, specie se la commedia hollywoodiana degli anni trenta-quaranta è tra le nostre passioni. Dialoghi serrati e ironici, un forte disincanto, cinismo quanto basta, una certa dose di surrealismo e intelligenza: un mixer vincente per una lettura di totale disimpegno, ma di gran divertimento. C'è la regina della carta moschicida e la sua governante isterica, c'è una ragazzino scatenato di nome Mortimer con i genitori, c'è miss Janet Martin... turisti americani in gita a Los Altos, in Messico, ignari di stare andando a un appuntamento con il terrore.

Appuntamento con il terrore di Norbert Davis
Titolo originale: The Mouse in the Mountain
Traduzione e note al testo di Ornella De Zordo
Postfazione di Stefano Martinelli
191 pag., Euro 11.50 - Edizioni Le Lettere (Pannarrativa)
ISBN 88-7166-716-6

Le prime righe

Capitolo primo

Quando Doan e Carstairs scesero l'ampia scalinata e attraversarono il pavimento a piastrelle rosa che era l'orgoglio e il vanto dell'hotel Azteca, gli ospiti che erano nell'atrio interruppero qualunque cosa stessero facendo per passare il tempo e li fissarono a bocca aperta. Doan non era un gran che, ma Carstairs normalmente aveva questo effetto sulla gente e anche ora si lasciò dietro una scia di mormorii di meraviglia mentre incedeva maestosamente verso le porte a vetri laterali e attendeva con altera dignità che Doan ne aprisse una. La oltrepassò lentamente davanti a Doan e uscì sulla terrazza alla luce del sole incredibilmente luminoso.
Doan si fermò e inspirò profondamente l'aria che sentì pulita, asciutta e leggermente frizzante. Si guardò intorno con viva soddisfazione. Era basso e piuttosto rotondo e aveva un volto paffuto e roseo con un sorriso innocuo e attraente come quello di un bambino. Aveva l'aria di una persona piacevole e molto simpatica e, qualche volta, lo era. Indossava un abito bianco, e portava un panama a tesa larga e un paio di scarpe bianche di para.
— Respira un po' di quest'aria, Carstairs — ordinò. — È magnifico, è l'ideale tempo messicano.
Carstairs sbadigliò in modo elaboratamente annoiato. Carstairs era un grande cane danese di colore fulvo. Se stava sulle quattro zampe la schiena arrivava al torace di Doan. Non faceva mai brutti scherzi. Lo considerava indegno di lui.

© 2003 Le Lettere Editore


L'autore

Norbert Davis è nato nell'Illinois nel 1909 ed è morto suicida a Cape Cod, Massachusset nel 1949. Si affermò negli anni Trenta come scrittore hard boiled, partecipando da protagonista all'esperienza e alla scuola "Black Mask" (per la quale è d'obbligo citare almeno i nomi di Raymond Chandler e Dashiell Hammet). Tra i suoi romanzi ricordiamo anche Sally's in the Alley e Oh, Murderer Mine (Mio caro assassino) nei quali ricompaiono Doan e Carstairs.


Di Giulia Mozzato


1 agosto 2003