PER I LETTORI DI SAGGI

Simone Bianchetti - Fabio Pozzo
I colori dell'Oceano

"Se fosse venuto alla luce mezzo secolo prima sarebbe certamente stato tra quegli eroi che hanno fatto la storia della vela, compiendo imprese impossibili con barche altrettanto impossibili. Da veri marinai."

Cino Ricci

Quando questo volume è stato pubblicato Simone Bianchetti era ancora vivo, reduce dal suo terzo posto nella prestigiosa e difficilissima Around Alone che, come dice il nome stesso, vede in gara i migliori navigatori solitari di tutto il mondo. Contrassegnata da tre incidenti, la perdita del radar, un'avaria agli impianti automatici di pilotaggio e la rottura dell'albero, la gara era diventata una sfida al destino e agli oceani: una sfida superata da vincitore. Ora diventa più difficile parlare di un libro che è diventato in qualche modo, involontariamente, un testamento umano e professionale. Ma non credo che uno sportivo, una grande navigatore come Bianchetti avrebbe voluto una lettura del suo lavoro in chiave retorica. Sì, la nostalgia e la solitudine coglie anche chi passa i giorni e le notti su una barca a vela (un po' di romanticismo è insito in questa scelta di vita), e basterebbe leggere una poesia che troviamo on line da lui scritta nel febbraio di quest'anno, in occasione del suo secondo passaggio di Capo Horn in solitario, per averne conferma, ma alla prima folata di vento più forte, alla prima ondata più violenta il sentimentalismo viene spazzato via. Ce n'è poco in effetti in questa autobiografia, scritta con l'aiuto di un giornalista specializzato, Fabio Pozzo; troviamo invece molto coraggio, determinazione, capacità di affrontare pericoli e difficoltà che possono sembrare insormontabili. E la voglia di superare ogni ostacolo da solo, in diretta competizione con l'oceano. Simone Bianchetti era un navigatore solitario per vocazione. Dall'Adriatico (era nato a Cervia) al Mediterraneo con Cino Ricci e Mauro Pelaschier, dall'oceano della BOC Challenge, giro del mondo in solitario a tappe fatto col Nonsisamai, alla Route du Rhum. Nel 1999 Bianchetti prova con la vela "a terra" iscrivendosi alla Transat de Sables, il rally del deserto a cui partecipano solo mezzi spinti dal vento e rischia la morte in una violenta tempesta di sabbia. Poi il grande successo nella Vendée Globe al timone di Aquarelle.com, primo navigatore italiano a completare la circumnavigazione del mondo in solitario, senza scalo e senza assistenza. E, ancora, le nuove imprese: l'Around Alone, questo libro, la prevista partecipazione alla nuova edizione della Vendée Globe... A fine giugno il destino l'ha portato via, a trentacinque anni, su una barca ma ormeggiata nel porto di Savona. Restano le sue parole che raccontano una vita all'insegna dell'avventura: una lettura travolgente per tutti gli amanti del mare.

I colori dell'Oceano di Simone Bianchetti e Fabio Pozzo
208 pag., ill., Euro 15.50 - Edizioni Longanesi
ISBN 88-304-2088-3

Le prime righe

PROLOGO

LA TEMPESTA

QUANDO arriva la tempesta vedo il mare e il cielo smorzarsi. Erano di una tonalità grigio latte, il non colore del Grande Sud; sono diventati più plumbei, come se un albatro gigante avesse disteso le sue grandi ali, coprendo un sole che non c'è mai stato.
La barca sta rispondendo bene. Ho ridotto l'invelatura, navigo con due mani di terzaroli e trinchetta. Mantengo una velocità media di 12 nodi, con punte massime di 18. Scendo sottocoperta. La barca vibra, va in risonanza. Il rumore del mare è incredibile, ogni suo respiro rimbomba come un colpo di maglio. Qui sotto il frastuono è amplificato dalla paura.
Devo dormire. Cerco di tranquillizzarmi con un po' di musica. Scelgo Chet Baker come compagno di viaggio. Le note di Time after time hanno il sapore di casa. Mi fanno sentire meno solo.
Espiro un groppo di fiato e tensione. Distendo le gambe nella cuccetta. Chiudo gli occhi e vedo Aquarelle.com. Dall'alto, come se fossi stato risucchiato via dal vento. Lo scafo si muove in un universo d'acqua. Sembra un fazzoletto bianco e giallo infilato nel cestello di un 'enorme lavatrice, che va su e giù, si torce e si spiega, in balia dei vortici della centrifuga.


© 2003 Longanesi & C. Editore


Gli autori

Simone Bianchetti è nato a Cervia nel 1968. Navigatore solitario, nel 1994 ha partecipato al BOC Challenge; l'anno successivo alla Mini Transat. In seguito ha preso parte, tra le altre competizioni, alla Route du Rhum (1998), alla Transat des Sables (1999), al Vendée Globe (2000-2001). Ha concluso al terzo posto l'Around Alone del 2002-2003. Il suo sito internet è www.simonebianchetti.com

Fabio Pozzo è nato a Recco (Genova) nel 1964 e vive nel capoluogo genovese. Redattore della Stampa, coltiva da sempre la passione per il mare, la storia della navigazione e le isole alla fine del mondo.


Di Giulia Mozzato


1 agosto 2003