I libri di Daniele Silvestri sono ordinabili presso Internet Bookshop


Daniele Silvestri

Un cantante da anni amatissimo da un gruppo ristretto di giovani quasi improvvisamente catapultato nel mondo del successo di massa riuscendo però a non tradire se stesso e i propri valori.

Qual è il tuo scrittore preferito?

Domande del genere mi mettono sempre in uno stato di profondo malessere... sono molto difficili! Penso di poter dare solamente una risposta parziale e momentanea. Probabilmente, anche per ragioni private, dovendo indicare un unico nome sceglierei quello di Gianni Rodari

C'è un genere di lettura che ami particolarmente?

Sui generi vado a periodi: in questo momento sono molto affascinato dall'archeologia alternativa e da tutto ciò che riguarda le civiltà pre-istoriche.

Qual è l'ultimo libro che hai letto?

Il giro di boa di Andrea Camilleri.

C'è un libro in particolare che ti porteresti in vacanza?

Vineland di Thomas Pynchon (non l'ho ancora letto ma so che devo farlo).

Quali sono stati i tuoi libri di formazione?

Pensando all'adolescenza mi vengono in mente le Cosmicomiche di Italo Calvino e L'idiota di Dostoevskij.

E oggi quali sono?

Nella maturità sono stati fondamentali Oceano Mare di Alessandro Baricco e L'orlo della Fondazione di Isaac Asimov.

Mi puoi nominare un autore che ti ha piacevolmente sorpreso e uno che ti ha deluso?

Mi ha sorpreso piacevolmente Diego Marani, con L'ultimo dei Vostiachi. Mi ha invece deluso Seta di Baricco.

Di Piera Passalacqua


6 giugno 2003