SCRITTORI STRANIERI

Kathleen Tessaro
Elegance

"Che cos'è l'Eleganza? È una sorta di armonia che somiglia alla bellezza, con la differenza che quest'ultima è più spesso un dono di natura e la prima un risultato dell'arte. Trasformare una donna normale in una donna elegante è la missione della mia vita."

Geneviève Atoine Dariaux


Inevitabile essere colpiti da questa copertina. Forse gli uomini resteranno indifferenti, ma le donne di fronte a sei paia di scarpe come queste... non resisteranno alla tentazione di prendere in mano il libro. La copertina, del resto, mai come in questo caso è il romanzo, nel senso che ciò che viene promesso e premesso dall'immagine di queste elegantissime calzature è ciò che si ritroverà nell'interno del testo: la storia di una donna che, attraverso l'eleganza personale ritrova la fiducia in se stessa e cambia radicalmente la propria vita. Espediente narrativo di Kathleen Tessaro (che sembra l'impersonificazione della sua protagonista a fine romanzo: bionda, perfetta ed elegantissima anche nei modi e sin dalle prime ore del mattino) è il ritrovamento di un vecchio libro intitolato "Elegance. Una guida completa per ogni donna che voglia vestire bene e in maniera conveniente in qualunque occasione" di Geneviève Antoine Dariaux, trentennale direttrice del Salon Nina Ricci di Parigi. Divertente scoprire che questa figura leggendaria esiste davvero, che il libro è stato realmente scritto nel 1964 (e che sarà ripubblicato negli Stati Uniti in parallelo con l'uscita del romanzo di Kathleen Tessaro) e che all'interno di ogni capitolo vengono citati i consigli che la Dariaux offriva alle sue lettrici desiderose di migliorare l'aspetto e acquisire fascino. Il tutto racchiuso in un contesto più moderno, con una protagonista, Louise, che si confronta con l'omosessualità del marito, con una suocera terribile, con amiche non sempre affidabili e che ricostruisce pian piano la propria vita, partendo dai principi non solo estetici raccomandati da Madame Dariaux, grazie ai quali troverà anche un nuovo compagno (la cui figura è ritagliata su quella del marito della scrittrice americana). Il romanzo della Tessaro, che si inserisce nel filone di nuova narrativa femminile destinata alla generazione delle trentenni, non può essere definito un capolavoro, ma sicuramente è un racconto positivo e rilassante che susciterà molti buoni propositi nelle lettrici, offrendo alcuni suggerimenti "preziosi" che, già si sa, daranno pochi risultati duraturi...

Elegance di Kathleen Tessaro
Traduzione di Beatrice Masini
317 pag., Euro 14.50 - Edizione Salani
ISBN 88-8451-252-2

Le prime righe

È una notte ghiacciata di febbraio e io e mio marito siamo davanti alla Nationai Portrait Gallery in Trafalgar Square.
" Eccoci " dice lui. Ma nessuno dei due si muove.
" Senti " mercanteggia con me, " se è davvero terribile, ce ne andiamo. Ci fermiamo solo il tempo di bere qualcosa e poi ce ne andiamo. Useremo una parola in codice: patata. Quando vuoi andare, basta che tu infili la parola patata in una frase e io saprò che vuoi andar via. Ok?"
" Potrei limitarmi a dirti che voglio andar via " gli faccio notare.
Mi guarda accigliato. " Louise, lo so che non ti va, ma potresti almeno fare uno sforzo. È mia madre, e le ho promesso che saremmo venuti. Non capita tutti i giorni di partecipare a una mostra fotografica importante. E poi le piaci davvero. Dice sempre che noi tre dovremmo vederci più spesso".
Noi tre.
Sospiro e mi guardo i piedi. Muoio dalla voglia di dirlo: patata. Patata, patata, patata.
Lo so che è un'autentica banalità odiare la propria suocera. E io detesto le banalità. Ma quando tua suocera e un 'ex modella degli anni cinquanta, abilissima nel ridurti a un grumo idiota tutte le volte che vi incontrate, allora c'è davvero una sola parola che balza alla mente. E questa parola è patata.

© 2003 Adriano Salani Editore


L'autrice

Kathleen Tessaro è nata in America, in Pennsylvania, ma vive da molti anni a Londra con il marito e un figlio. Si è occupata di teatro e di spettacolo, prima di dedicarsi alla scrittura e al giornalismo. Elegance nasce da una "storia vera": rovistando fra libri usati, l'autrice ha trovato un trattato di eleganza scritto nel 1964 da Madame Geneviève Antoine Dariaux, in quegli anni direttrice della casa di moda di Nina Ricci. Quando ha deciso di scrivere un romanzo, quel libriccino è diventato la sua guida.


Di Giulia Mozzato


23 maggio 2003