VITA VERA
Chiara Marchelli
Angeli e cani

"Si era chiesta parecchie volte, alla maniera di quelli che non ne fanno l'esperienza, secondo quale criterio la gente proseguisse dopo essere stata colpita da un evento di eccezionale violenza. Qualcosa che sovvertisse totalmente la realtà da polverizzarla all'istante. Se lo richiese ora che, sufficientemente lontana dall'evento che aveva stravolto la sua, aveva occasione e facoltà scampate per pensarci, e distinse solo un immenso stupore."

Åsne Seierstad
Il libraio di Kabul

"Tuttavia tra le genti dell'Afghanistan l'odio razziale è poco radicato. I conflitti si devono più che altro alle lotte epr il potere tra i diversi signori della guerra, che spingono i membri del proprio clan a scontrarsi con quelli di un altro."

Alejandro Torreguitart Ruiz
Machi di carta
Confessioni di un omosessuale cubano

"Il ritorno in patria fu difficile, ma non per quello che mi ero lasciato alle spalle. In definitiva quella tanto vagheggiata libertà come l'avevo utilizzata? A caccia di oggetti da sfoggiare in patria come trofei del mondo capitalistico, in una frenetica danza di acquisti senza senso, in un complesso di contraddizioni che ancora non comprendevo. Al rientro mi capitò di pensare che in fin dei conti a Cuba ero libero. Libero di vivere. Di esistere. Di sognare."

Dubravka Ugresic
Il museo della resa incondizionata

"All'esiliato sembra che la condizione dell'esilio consista in una continua, particolare sensibilità ai suoni, a una qualche melodia; a volte gli sembra che l'esilio altro non sia se non uno stato di memoria musicale inconscia."

Nazzareno Zambotti
Perché non sono diventato serial killer
Autobiografia di un uomo solo

"Ai miei tempi, la violenza era la base a partire dalla quale si costituivano dei principi, i principi formavano il carattere, il carattere spingeva alla riflessione. Per questo, molti miei amici avevano abbandonato il crimine, cambiato vita. Per me forse era tardi, avevo perduto diverse occasioni, altre non le avevo cercate. Ma fu lì, passeggiando per quella galera che mi proponeva soltanto un senso di estraneità, che decisi di riprovarci di nuovo, questa volta mettendoci tutto me stesso."


16 maggio 2003