RELIGIONI

Stefano Allievi
Islam italiano
Viaggio nella seconda religione del paese

"Partenza obbligata e prima tappa di un possibile grand tour musulmano in Italia, la Sicilia 'nasce', in un certo senso, con l'islam, o meglio con gli arabi, che conferiscono all'isola una storia, una dignità, una ricchezza materiale e artistica straordinarie, certo non inferiori alle vestigia lasciate dai Greci."

La religione musulmana nel corso di pochi anni è diventata la seconda in Italia. Ma gli abitanti del paese sono preparati a questa importante novità culturale? La risposta di Allievi è no. Ma le motivazioni sono più complesse di quanto superficialmente si pensi, e, come quasi sempre accade, bisogna partire dalla storia per comprendere l'attualità. La religione islamica è stata vissuta per molti secoli come lontana, talvolta come "nemica", al centro di sanguinosi conflitti. Solo ripercorrendo queste tappe storiche si potrà arrivare a superare l'intolleranza "viscerale" che contraddistingue una parte degli italiani. L'unico modo per capire la quotidianità nazionale, poi, è andare a cercare i protagonisti di questa convivenza difficile, come fa Allievi nel suo viaggio da Roma a Milano, da Torino a Palermo. Tanti brevi capitoli che, come tessere di un mosaico, ricostruiscono la complessa e articolata integrazione nella Penisola (più o meno riuscita) di questi nostri cugini che crediamo di conoscere ma che in realtà sono circondati in molti casi da idee preconcette e ignoranza, che, a onor del vero, è spesso "a doppio senso".

Islam italiano. Viaggio nella seconda religione del paese di Stefano Allievi
XXI-272 pag., Euro 13.50 - Edizioni Einaudi (Gli struzzin.561)
ISBN 88-06-16492-9

Le prime righe

Introduzione
Civiltà islamica e Occidente

In Italia vivono oggi quasi un milione di persone di religione musulmana. In realtà sono un po' meno, e spesso la loro fede è più presunta che reale. Ma le cifre tonde piacciono, e inevitabilmente prendono piede: per necessità mediatica, prima che per comodità.
Per l'Italia, come per gli altri paesi d'Europa in cui questo è accaduto, si tratta di una svolta storica: l'islam è la seconda religione del paese. E del continente.
Dopo quattordici secoli di storia, di profonde influenze reciproche ma anche di sanguinosi conflitti, accade l'inaudito o almeno l'impensabile, sicuramente l'impensato. Un'identità culturale, una religione, sempre percepita come totalmente altra, lontana, nemica, vive oggi, letteralmente con-vive, sul medesimo territorio del suo antico nemico. Due mondi culturali che si sono per lunghi secoli combattuti, e che pur rispecchiandosi l'uno nell'altro si concepivano come impermeabili, autosufficienti, comunque autonomi, separati, scoprono di non esserlo più, di non esserlo per niente. Abitano, letteralmente, uno nell'altro. Si coabitano.

© 2003 Giulio Einaudi Editore


L'autore

Stefano Allievi, sociologo, docente all'Università di Padova, si occupa da una dozzina d'anno di islam europeo. Oltre a numerose ricerche e libri editi in diversi paesi europei, ha pubblicato tra l'altro, su questo tema: Il ritorno dell'islam (con F. Dassetto, Roma 1993); I nuovi musulmani (Roma 1999; premio speciale Pozzale-Luigi Russo e premio Feudo di Maira 2000); Il libro e la spada. La sfida dei fondamentalismi (con D. Bidussa e P.Naso, Torino 2000); La tentazione della guerra. Dopo l'attacco al World Trade Center (Milano 2001); Mussulmani d'occidente (Roma 2002).


Di Giulia Mozzato


18 aprile 2003