Per i più piccoli - Primi lettori - Per i più grandi - I Delfini


Guido Quarzo
Nessuna strega
e altre commedie

"OSTESSA
Buon giorno caro Peppo, t'ho portato un assaggio di frittelle, ma vedo che sei in partenza.
PEPPO
"Buon giorno cara la mia ostessa, sto appunto per mettermi in viaggio, ma le frittelle le posso mangiare strada facendo."

Un libro interessante dove vengono presentati tre testi teatrali di Guido Quarzo, che tutti conoscerete come uno dei più importanti autori per ragazzi in Italia. Si tratta di tre testi comici, tre vere commedie proposte in modo da poter essere lette dai bambini singolarmente, ma anche collettivamente all'interno di una classe. Naturalmente si prestano a una vera e propria messa in scena: un lavoro entusiasmante per un gruppo di ragazzi che debbano organizzare scene, costumi e regia. Nessuna strega è il primo dei tre testi, seguito da Peppo re e La conferenza del professor Ambarabà. Leggere il teatro sin dalla più tenera età è un modo per farlo apprezzare in seguito. Esiste una diffidenza incomprensibile che porta il lettore, anche adulto, a non scegliere un testo teatrale, pensando di dover affrontare qualche misteriosa difficoltà. Ecco un'occasione per sfatare questo mito.


Nessuna strega e altre commedie di Guido Quarzo
Illustrazioni di Pia Valentinis
99 pag., ill., Euro 8.00 - Nuove Edizioni Romane (Nuova Biblioteca dei Ragazzi n. 45)
ISBN 88-85990-98-3



Le prime righe


La scena si svolge su un palcoscenico sul quale si trovano solamente una piccola scala a pioli aperta (del tipo usato dagli imbianchini) e una panchetta sistemata di lato.
Gli attori, partendo dal fondo della sala, portano gli oggetti di scena sul palco, si preparano a vista, finiscono di truccarsi e vestirsi, sistemano gli oggetti, danno il via allo spettacolo. Coloro che non sono di scena rimangono seduti su una panca laterale.


NARRATORE
Cari ragazzi, grazie di essere venuti a questo spettacolo che spero vi piacerà. Vi vogliamo infatti raccontare una bellissima favola. Comincio subito. (mentre il narratore parla, la strega sta spazzando il palco) C'era una volta una bella bambina.., una bambina tanto bella quanto buona... (la strega disturba con rumori e sbruffi)... che voleva tanto bene alla sua mamma.. e alla sua nonna... Insomma si trattava proprio di un angelo di bambina.., un vero tesoro... (rivolto alla strega) Ma insomma! Si può sapere che diavolo stai combinando? Non vedi che lo spettacolo è incominciato?

STREGA
Eh, incominciato, incominciato.., spettacolo, spettacolo... tanto sono sempre le solite cavolate!

NARRATORE
Ma come ti permetti, si tratta di una bellissima favola!

STREGA
(fa il verso) Si tratta di una bellissima favola.., ma fammi il piacere. Quando dirai che la sua mamma la vestiva sempre con un bel cappuccio rosso in testa, che andava a portare la torta o che diavolo so io alla sua nonna, che c'era un lupo e un cacciatore... la conoscono tutti la tua bellissima favola, (al pubblico) vero bambini?

NARRATORE
Basta, basta... insomma, tu devi fare le pulizie e non impicciarti dello spettacolo!

STREGA
È quello che stavo facendo, sei tu che mi hai interrotto.


Un'immagine



© 2002, Nuove Edizioni Romane Editore

L'autore

Guido Quarzo, nato a Torino nel 1948 ove attualmente risiede, ha lavorato per molti anni nella scuola elementare sia come insegnante sia come formatore. Si è occupato più volte di teatro per ragazzi, scrivendo e organizzando laboratori e spettacoli. Nel 1989 ha iniziato a pubblicare testi di narrativa per bambini e ragazzi e oggi i suoi lavori sono premiati sia da giurie ufficiali che dall'entusiasmo dei giovani lettori.


L'illustratrice

Pia Valentinis, premio "Andersen - Il mondo dell'infanzia" come migliore illustratrice 2002 e tanti libri pubblicati in Italia e all'estero, è riconosciuta dai lettori per l'inconfondibile colore delle matite e la straordinaria carica affettiva delle immagini. Sue le tavole de Il Circo delle Lettere Perdute, Aspra di Boccasole, Sconfiniamoci e Meglio un giorno da orso.


il libro successivo...




28 marzo 2003