BRIVIDI NEL MONDO - I CLASSICI DEL GIALLO - VITE DA THRILLER
NOIR ALL'ITALIANA
Giulio Angioni
La Casa della Palma

"Per mio padre, questo me lo ricordo bene, il modo di morire è il dazio che si paga per quanto si è pesato sopra il mondo: meno ci stai e pesi e meno paghi."

Andrea Carlo Cappi
Diabolik. La lunga notte

"Eva lo aspettava a bordo della Jaguar su una delle piazzole. Se Diabolik avesse mancato l'appuntamento, avrebbe dovuto buttarsi tra le rocce. Se avesse tardato ancora di più, sarebbe finito sotto il tiro degli sze kau in servizio alla Torre del Drago."

Massimo Carlotto
Il maestro di nodi

"Mi ritirai nel mio appartamento. Volevo stare solo, per cercare di scacciare con l'alcol quelle immagini spaventose che non volevano andarsene dalla mia mente. Mi attaccai alla bottiglia senza neanche accendere lo stereo. Nessun blues sarebbe stato abbastanza triste."

Paolo Condò
Sotto copertura

"Voglio che tu rimanga fuori da questa storia. Prima di lasciarmi andare mi hanno detto che tutti i miei telefoni sono sotto controllo, e credo che intendessero anche il tuo. Sanno che tra noi esiste un rapporto, leggono i tuoi articoli e probabilmente immaginano che io sia una tua fonte; è gente troppo deviata mentalmente per pensare a una storia d'amore."

Sandrone Dazieri
Gorilla Blues

"Bella la piccola comunità lacustre con la pittoresca gente panem et circenses. Tutte balle, non bisogna credere ai dépliant. Quando sei troppo stanco per pensare al peggio, qualcuno lo pensa per te."

Franco Foschi
Piccole morti senza importanza

"E da qui inizia l'incubo. Tutto è pianto, urla, orrore, orrore che stringe alla schiena, fuoco, dolore, strazio, una catena di delirio, uno scroscio di disperazione, urla, urla mostruose perché mute, e infine un coltello che, implacabile, lento, lento e implacabile, taglia la gola..."

Flavio Soriga
Neropioggia

"Questo siamo alla fine, tristi voraci frustrati, dominatori di donne ingrassate o quasi grasse, paesani contadini con serre pagate dall'Europa e da Mamma Nostra la Regione, contadini faccendieri con la jeep e due conti in banca, nessuna parola d'amore mai detta o pensata..."


31 ottobre 2002