LA CRITICA LETTERARIA

Fruttero & Lucentini
I nottambuli

A cura di Domenico Scarpa
Pag. 298, Euro 12,00 - Edizioni Avagliano
ISBN 88-8309-084-5

Le prime righe

I NOTTAMBULI

Ma voi come fate, ci sentiamo chiedere talvolta, a stare senza patemi davanti all'occhio della telecamera, a sedere su quelle seggiole o poltrone da intervista e rispondere alle domande del conduttore senza abbandonarvi al panico? E come mai il rapporto tra lo scrittore e i mass-media non sembra crearvi dilemmi, drammi, coliche di coscienza?
Ah, rispondiamo noi, perché per lo scrittore e per l'oca tutto dipende dalla prima impressione, dall'imprinting, come lo chiama Konrad Lorenz. E al nostro imprinting televisivo, al battesimo del fuoco, al primo contatto con il Mostro, noi avemmo il paradossale privilegio di essere condotti da uno degli uomini più schivi, trepidi e perplessi che abbiamo mai conosciuto, da un Virgilio titubante e dolcissimo, da un poeta di suprema sensibilità e ombrosità, e tra i maggiori del Novecento italiano: dal nostro amico (indimenticabile? eh, sì, indimenticabile) Vittorio Sereni.
Uno che leggesse, senza saper altro di lui, le sue prose pudicamente autobiografiche, ora ristampate con molti inediti nel volume del Saggiatore Gli immediati dintorni, non potrebbe mai immaginare Sereni nella parte di Pippo Baudo o di Raffaella Carrà. Eppure fu proprio lui a invitarci al talk-show che, contro ogni verosimiglianza, guidava per la tv ticinese una quindicina d'anni fa. La trasmissione si chiamava "Lavori in corso" e Sereni ce ne parlò come di una riunioncina familiare, cordiale, alla buona, praticamente un incontro con gli amici al caffè prima di andare tutti a cena da qualche parte. E se era lui - re della timidezza, signore dello scrupolo, zar del rossore e dell'imbarazzo - a farci una proposta simile, potevamo fidarci.

© 2002 Avagliano Editori


Gli autori

Carlo Fruttero (Torino, 1926) e Franco Lucentini (Roma, 1920) si sono divertiti, fin dalla metà degli anni Cinquanta del XX secolo a svolgere un intenso lavoro editoriale in comune (prima presso Einaudi, poi da Mondadori). Hanno diretto per molti anni la rivista "Urania" e fondato il mensile di fumetti "Il Mago". Dal 1971 hanno iniziato a pubblicare libri scritti a quattro mani che hanno riscosso un successo internazionale.


2 agosto 2002