GLI AUTORI STRANIERI

Any Tan
La figlia dell'aggiustaossa

Titolo originale: The Bonesetter's Daughter
Traduzione di Laura Noulian
Pag. 342, Euro17,00 - Edizioni Feltrinelli (I Narratori)
ISBN 88-07-01618-4

Le prime righe

LA VERITÀ

Queste sono le cose che so essere vere:
Mi chiamo LuLing Liu Young. Il mio primo marito si chiamava Pan Kai Jing, il secondo Edwin Young: sono morti entrambi e i nostri segreti sono scomparsi con loro. Mia figlia si chiama Ruth Luyi Young. È nata nell'anno del Drago d'Acqua, io in quello del Drago di Fuoco. Ragione per cui siamo uguali, ma per motivi opposti.
So tutte queste cose, eppure c'è un nome che non riesco a ricordare. Sento che è lì, sepolto negli strati più antichi della mia memoria, ma non riesco a portarlo alla luce. Centinaia di volte sono tornata con la mente a quel mattino in cui Preziosa Zietta lo scrisse su un foglietto. Avevo solo sei anni, allora, ma ero molto sveglia. Sapevo fare di conto. Sapevo scrivere. Avevo un'ottima memoria, ed ecco cosa ricordo di quel giorno d'inverno.
Ero tutta insonnolita, ancora coricata sul letto k'ang che dividevo con Preziosa Zietta. Il condotto che portava il vapore nella nostra piccola camera era il più lontano dalla stufa situata nella stanza comune, e i mattoni del mio k'ang si erano raffreddati da un pezzo. Mi sentii scuotere per una spalla. Come aprii gli occhi, Preziosa Zietta scribacchiò qualcosa su un pezzo di carta che poi mi mostrò. "Non ci vedo" protestai. "È troppo buio."
Lei sbuffò, posò il foglietto sul nostro basso armadio e gesticolò facendomi capire che dovevo alzarmi. Accese il braciere sotto la teiera e, quando i carboni cominciarono a fumare, si avvolse lo scialle sul naso e, la bocca e versò l'acqua per lavarsi nella cuccuma. Appena l'acqua fu calda, Preziosa Zietta diede inizio alla nostra giornata. Mi sfregò ben bene il viso e le orecchie. Mi spartì i capelli, mi pettinò la frangetta, inumidendo le ciocche che spuntavano in fuori come le zampe di un ragno. Poi mi raccolse i capelli in due bande che intrecciò. Mi legò le trecce in alto con un nastro rosso, in basso con uno verde. Agitai la testa e le trecce sventolarono allegramente in qui e in là come le orecchie dei cani di palazzo.

© 2002 Giangiacomo Feltrinelli Editore


L'autrice

Amy Tan (Oakland, California, 1952) è laureata in linguistica all'Università di San José. Il suo primo romanzo, Il circolo della fortuna e della felicità, ha avuto il merito di far conoscere al grande pubblico la cosiddetta letteratura multietnica, il filone di quegli autori (figli di immigrati o immigrati loro stessi) che ha saputo esprimere i problemi relativi all'integrazione di culture diverse. Con La moglie del dio dei fuochi e I cento sensi segreti, Amy Tan ha confermato il suo successo e la sua eccellenza narrativa.


2 agosto 2002