MARE


Storie di mare

"Poi vuotai il bicchiere d'un sorso, come un vecchio pirata, e mi alzai tossendo, disposto ancora una volta a contemplare i miei sogni nello specchio del mare."

da Come un'isola José Manuel Fajardo


Prendiamo un tema, il mare, e chiediamo a nove grandi narratori contemporanei di raccontarcelo: ne verrà fuori Storie di mare, un libro appassionante che raccoglie le voci, molto differenti tra loro, di autori latinoamericani e spagnoli. Ognuno ha visto nel mare un aspetto differente legando a questo tema realtà e visioni, fantasie di vita e di morte, universalità di pensiero e singolarità di esperienze.
Il mare, Mario e María di Hernán Rivera Letelier (autore cileno) racconta l'esperienza da "sabato del villaggio" di un ragazzino in attesa di vedere il mare per la prima volta, ma non solo, narra anche il rapporto tra l'esperienza e la lingua, con una divertente analisi del sostantivo mar, che in spagnolo può essere femminile o maschile, e della assonanze che questa parola ha con i nomi propri Maria e Mario. Sembrava l'inferno di Rosa Montero (scrittrice spagnola) racconta invece il punto di vista di una donna, Violeta, che il mare sembra proprio non amarlo, in antitesi con Carolina, la cugina, che invece è appassionata di spiaggia e onde. Ma ben presto scopriremo che il motivo di tanto odio non sta nel luogo ma nei brutti ricordi ad esso legati. L'ultima sventura del capitano Valdemar do Alenteixo di Luis Sepúlveda (celebre autore cileno) narra una storia di pirati attraverso la fine di un valoroso e originale capitano dotato di grande umanità, ma è anche un racconto autoreferenziale sulla narrativa di viaggio e sulle storie di mare. Qui è un pirata al largo nell'oceano a scrivere le avventure d'acqua e di terra, ma è anche Sepúlveda a narrarci le sue. Brevemente ricordiamo ancora Il canto della corvina nera dell'uruguaiano Mario Delgado Aparaín, L'ultima avventura del cileno Ramón Díaz Eterovic, Come un'isola dello spagnolo José Manuel Fajardo, Altro racconto con mare dell'argentino Mempo Giardinelli, Nebbia del peruviano Alfredo Pia e L'ultimo arrembaggio del Don Juan del messicano Antonio Sarabia.

Storie di mare
Titolo originale: Cuentos del mar
177 pag., Euro 12.00 - Edizioni Guanda (Narratori della Fenice)
ISBN 88-8246-456-3

Le prime righe

MARIO DELGADO APARAÍN
IL CANTO DELLA CORVINA NERA

I

Da giorni al bar di Nereo nessuno mi rivolge la parola, si limitano a salutarmi con la mano e da lontano, mi lasciano da solo in un angolo con la mia birra in mano e tra di loro dicono, a bassa voce e con fastidio: "Noel è un invasato, Noel è un invasato...", perché non capiscono, non si spiegano come possa essere successo quel che è successo e siano venuti persino quelli della radio, che mi hanno fatto ogni tipo di domanda senza riuscire a capirci niente, mi hanno accusato di essere razzista o qualcosa del genere, perché ho detto che la colpa di quel che è successo è dei maledetti coreani che spesso ci obbligano a spingerci al largo per trovare la corvina nera e a morire come uccellini, lontano, molto lontano dalla costa. Noel è un invasato, dicono Pizarro il Portoghese, il capitano Lander, Coraggio Martínez e María la Pescatrice. Tutti lo dicono. E forse è vero, perché nemmeno io riesco a trovare una spiegazione a quel miracolo. E persino Ivo, il mio amico, il mio compagno di sventure, sostiene la stessa cosa senza osare rivolgermi la parola, scambiare idee su quel fenomeno che ci divide, trovare una spiegazione che ci permetta di riavvicinarci ed essere amici come prima.

© 2002 Ugo Guanda edizioni


Di Grazia Casagrande
e Giulia Mozzato


7 giugno 2002