SAGGI

Niles Eldredge
Le trame dell'evoluzione

"Il mondo fisico non è un mero fondale dell'evoluzione della vita. Esso muta in modo regolare, comprensibile. Sono cambiamenti che hanno profondi effetti sull'evoluzione della vita: effetti evolutivi regolari e simili a leggi. Inoltre, essi richiedono - anzi esigono - l'attenta considerazione razionale e l'incorporazione esplicita nella teoria evoluzionistica."

È facile parlare dei saggi editi da Raffaello Cortina. Possiamo subito basarci sulle introduzioni, sempre complete e dettagliate, e sulla logica rigida della struttura del testo, dettata dalla volontà di renderlo facilmente consultabile. Dunque anche chi non fosse ferratissimo in queste materie riesce immediatamente a individuare il percorso della ricerca capendo il senso del testo. Con questa chiave di lettura eccoci subito immersi nel mondo dell'evoluzione che Niles Eldredge magistralmente racconta al grande pubblico. Il tema non è dei più semplici, perché da Darwin ai giorni nostri gli studi sull'evoluzione hanno allargato il contesto di analisi alla fisica, alla biologia molecolare, alla geologia, presupponendo competenze sempre più complesse e vaste. Ma Eldredge avvicina gradualmente il lettore a queste teorie complesse, partendo da esperienze personali di osservazione sul territorio, che permettono di capire non solo la situazione in esame ma anche il metodo di ricerca usato dallo scienziato. Nel primo capitolo, ad esempio, ci troviamo nei Caraibi con lui, fermi di fronte a un non raro albero di Cecropia e al suo "grigio fusto rachitico". La semplice vista di questa essenza stimola in Eldredge una serie di considerazioni che fanno riferimento anche alle differenziazioni teoriche che lo allontanano dalle idee di altri colleghi. Seguono capitoli intitolati Risalire alle origini; Tempo, energia ed evoluzione biologica; L'evoluzione della Terra; Geni e specie: l'evoluzionismo moderno; La morale della Cecropia: l'evoluzione e il regno della materia in movimento. Alla fine del saggio capiremo quanto Eldridge attribuisca importanza ai rapporti tra le strutture e l'evoluzione dei sistemi biologici e quelli fisici. L'interconnessione tra i vari campi diventa elemento fondamentale per la lettura dell'evoluzione e, come scrive Telmo Pievani nell'Introduzione, "la logica dell'evoluzione diventa una ecologia dell'evoluzione". Tema affascinante e ricco di ripercussioni scientifiche e filosofiche.

Le trame dell'evoluzione di Niles Eldredge
Titolo originale: The Pattern of Evolution
Traduzione di Silvio Ferraresi
XI-XLI, 288 pag. Euro 24.00 - Edizioni RaffaelloCortina (Scienza e Idee)
ISBN 88-7078-749-4

Le prime righe

INTRODUZIONE ALL'EDITORIA ITALIANA

IL SEGRETO DEI TRILOBITI

Se andrete a trovare Niles Eldredge nel suo studio al quinto piano dell'American Museum of Natural History di New York, dove è curatore del Department of Invertebrate Paleontology, la prima cosa che vi farà vedere, orgogliosissimo, non sarà la sua finestra su Central Park, né la sua raffinata libreria: sarà una lunga parete di scaffali verde scuro, polverosi e ammaccati. Vi chiederà, fra il computo e il divertito, se vi rendete davvero conto di dove siete e allora capirete che non state soltanto visitando un'ala del più importante museo di scienze naturali americano, ma che siete davanti a una reliquia scientifica, a un luogo di culto nella mitologia dei biologi evoluzionisti, a uno scrigno di rara saggezza paleontologica. Niles, sorridendo con i suoi occhi sottili e furbi, aprirà uno dei cassetti e vi farà vedere uno spicchio della preziosa raccolta di trilobiti.
Immaginerete allora le migliaia di piccoli animaletti, invertebrati estintisi 250 milioni di anni fa, schedati diligentemente da più di trent'anni e racchiusi in questo eccezionale archivio paleontologico. È una delle raccolte più importanti al mondo in questo strano abitante dei bassi fondali oceanici del Cambriano e dell'Ordoviciano, antropode marino con un corpo piatto di forma cilindrica e segmentato, sorretto da zampette sottili lungo tutto il perimetro, una testa a mezza luna con due peduncoli laterali e due grandi occhi dalla struttura estremamente complessa.

© 2002 Raffaello Cortina edizioni


L'autore

Niles Eldredge, paleontologo, biologo evoluzionista e naturalista, è curatore del Department of Invertebrate Paleontology dell'American Museum of Natural History di New York. Grande esperto di biodiversità, con Stephen Jay Gould ha formulato nel 1972 la teoria degli "equilibri punteggiati". Fra i suoi libri Ripensare Darwin (1999) e La vita in bilico (2000).


Di Grazia Casagrande
e Giulia Mozzato


31 maggio 2002