CULTURE E POPOLI - NARRATIVA ITALIANA - SAGGI - SCRITTURA
CULTURE E POPOLI
Stewart Lee Allen
La tazzina del diavolo
Viaggio intorno al mondo sulle Vie del caffè

"Si dice che, verso la fine del Seicento, Luigi XV spendesse l'equivalente di quindicimila dollari all'anno per soddisfare la dipendenza da caffè di sua figlia; nel 1740, però, il prezzo era sceso a cinquanta centesimi per tazza, cosicché perfino le persone più miserabili potevano permettersene in abbondanza."

Maria Savi-Lopez
Nani e folletti

"Una pecora dal vello d'oro balzò in mezzo ai carboni, ma Illmarinen non si rallegrò. Il lupo avrebbe certamente desiderato la pecora, ma il fabbro voleva una sposa d'oro. Egli gettò la pecora nel fuoco con altro oro ed argento, e gli schiavi ripresero a soffiare. (...) Finalmente una fanciulla balzò fuori dai carboni. Essa aveva la testa d'argento, il corpo d'oro ed era bellissima."


NARRATIVA ITALIANA
Eugenio Colorni
Un poeta e altri racconti

"C'è vicino a casa mia un negozio di libri antichi, il cui proprietario è un poeta. Un vero poeta, non un facitore di versi. Un uomo di cui qualche cosa resterà, io credo, nella letteratura italiana."

Tommaso Pincio
Un amore dell'altro mondo

"Cominciò a provare gusto di come accadevano le cose nei libri e, anche se nella sua vita continuava a non accadere nulla, la differenza tra l'inverosimiglianza dei libri e la realtà delle cose non gli parve più tanto netta. Si accorse pure che nei libri accadevano meno cose di quello che sembrava, anzi in certi libri non accadeva quasi niente, proprio come nella sua vita."

SAGGI
Ernesto De Martino
La fine del mondo
Contributo all'analisi delle apocalissi culturali

"In che modo è possibile distinguere il normale e l'anormale nei comportamenti umani? Per tale distinzione occorre l'analisi del 'senso' del comportamento, e questa analisi non può aver luogo se non in riferimento al 'senso' della cultura in universale e al 'senso' della civiltà particolare in cui il comportamento in questione è storicamente inserito."
Hans-Georg Gadamer
La responsabilità del pensare
Saggi ermeneutici

"Da oggi all'anno 1900, in cui Nietzsche chiuse i suoi propri occhi per sempre e io vidi invece la luce del mondo, sono intercorse le vire di diverse generazioni, le rivoluzioni storiche e le catastrofi del nostro secolo. E così, guardando indietro a tutti questi periodi a queste maree della storia, intravediamo un compito che non riguarda solo i filologi classici, che cercano qui nuovamente solidarietà, e neanche soltanto i filosofi..."

SCRITTURA

Anton Cechov
Senza trama e senza finale
99 consigli di scrittura

"Basta essere più onesti: buttare se stessi a mare sempre e dovunque, non intrufolarsi nei protagonisti del proprio romanzo, rinnegare se stessi, non fosse che per mezz'ora ... Il soggetivismo è cosa tremenda. È un male per il solo fatto che lega mani e piedi al povero autore."





Luca Lorenzetti
Un posto per scrivere

"Insegnare a scrivere significa, secondo me, in termini di obiettivi didattici e pedagogici: addestrare a essere consapevoli dei processi di invenzione e redazione (la 'metacognizione'); insegnare le tecniche e ciò a cui ciascuna tecnica serve; promuovere la chiarezza, la speditezza e la completezza dell'espressione; far meditare sugli aspetti morali (l'efficacia, ad esempio, è un valore in sé? e la chiarezza?) politici e teorici; avviare all'autoformazione (s'impara a scrivere leggendo e a leggere scrivendo)".


19 aprile 2002