DONNE

Tina B. Tessina
Le 10 migliori decisioni che ogni donna può prendere dopo i 40 anni

"A quarant'anni è possibile vedere la vita sotto una nuova prospettiva. I quaranta sono il momento di una nuova messa a fuoco, e il momento di tirare le somme."

Non si può negare, i 40 anni sono una tappa importante, per gli uomini e per le donne. Se si è in pace con sé stessi possono rappresentare uno dei momenti migliori della vita. Ma possono essere anche un incubo spaventoso per quelle persone che non riescono a vedersi invecchiare e temono che il decadimento psico-fisico sia incombente. Il più delle volte, tuttavia, è semplicemente un traguardo simbolico che porta a riflettere sulla propria vita, un punto di partenza per riprendere la corsa con rinnovata fiducia, con consapevolezza e maturità e un progetto nuovo da realizzare. Tina Tessina, esperta di terapia familiare, indica alcuni modi per affrontare al meglio questo momento dell'esistenza, per rendere fruttuosa e importante l'esperienza della "mezza età". Con il supporto e la traccia delle esperienze individuali di alcune donne, l'autrice percorre le varie strade possibili, dividendo in grosse "aree" corrispondenti ai capitoli i suggerimenti: "riappropriatevi della vostra vita: decidete di ridecidere; calatevi nel vostro nuovo io: decidete di cambiare il vostro ruolo nella vita; fate del vostro lavoro un piacere: decidete di ridare vitalità alla vostra carriera, o tentatene una nuova; l'importanza dell'amicizia: decidete di concentrarvi sull'amicizia..." e così via, sino all'apertura nei confronti di chi ci circonda: "condividete ciò che avete: decidete di restituire qualcosa agli altri".

Le 10 migliori decisioni che ogni donna può prendere dopo i 40 anni di Tina B. Tessina
202 pag., Euro 7.80 - Edizioni Tea (Pratica171)
ISBN 88-502-0129-X

Le prime righe

Introduzione

Maturità: la libertà di decidere

E poi, quando meno te lo aspetti, arriva la mezza età...
Raggiungi una meravigliosa libertà. È una cosa positiva.
Doris Lessing

Intorno ai quarant'anni, si sviluppa una serie di nuove aspettative. I quaranta rappresentano la mezza età. Solitamente gli psicologi ricorrono all'espressione "crisi di mezza età" per descrivere una fase difficile della vita attraversata dagli uomini. È molto diffusa l'opinione che in questo stadio l'uomo avverta il bisogno di acquistare un'automobile costosa o s'invaghisca di una donna più giovane di lui. E le donne? Le donne che hanno paura di invecchiare temono l'avvicinarsi dei quaranta; molte, invece, quelle che hanno dedicato la vita a tirare su i figli e a prendersi cura degli altri, oppure quelle che si sono impegnate nella riuscita della loro carriera, vedono l'avvicinarsi di questa età come una nuova opportunità. A quarant'anni è possibile guardare la vita sotto una nuova prospettiva. Si hanno, sì, obiettivi e aspirazioni ancora da soddisfare, ma ci si rende anche conto che non si sta diventando più giovani. I quaranta sono il momento di una nuova messa a fuoco, e il momento di tirare le somme. Così facendo, si allontaneranno i timori che accompagnano questo passaggio, e si apriranno sia nuovi orizzonti di libertà sia nuove opportunità.
La maggioranza delle donne entra in perimenopausa (l'inizio dei cambiamenti ormonali che portano alla menopausa vera e propria) intorno ai quarantacinque anni, e a quarant'anni molte cominciano a domandarsi che cosa la menopausa comporterà. A meno che non siate tra le poche che hanno in mente di approfittare dei più recenti sviluppi nel campo della medicina, quelli che consentono alle donne avanti nell'età di portare a termine gravidanze in vitro, va scemando la possibilità di avere in bambino e, con essa, la responsabilità che comporta il diventare genitore.

© 2002 Tea Edizioni


L'autore

Tina B.Tessina ha al suo attivo venticinque anni di esperienza come terapeuta familiare e matrimoniale. È autrice di numerosi libri dedicati a temi femminili.


Di Grazia Casagrande
e Giulia Mozzato


12 aprile 2002