COMUNICAZIONE VISIVA


Il favoloso Album di Amélie Poulain

"Strana la vita... Quando uno è piccolo, il tempo non passa mai, poi, da un giorno all'altro, ti ritrovi a cinquant'anni... E tutto ciò che rimane dell'infanzia sta in una piccola scatola arrugginita..."

Il successo straordinario del film, vero caso culturale in Francia, che ha ottenuto un record di "nominations" ai "César 2002"e ben cinque agli Oscar, ma anche in Europa (Inghilterra, Germania, Spagna, Italia sono stati incantati da questa ragazza e ogni stato le ha dedicato un sito), negli Usa e in Canada, fino al Giappone Amélie è diventata una vera concorrente al più ingenuo personaggio di Bridget Jones. Il libro, recentemente uscito nelle librerie italiane, propone molte immagini tratte dal film e didascalie che raccontano i pensieri di Amélie o le situazioni in cui si trova. Naturalmente l'impatto è fondamentalmente visivo, anche per l'originalità e la raffinatezza delle immagini in bianco e nero e a colori, finto-vecchie e avveniristiche. La comunicazione spesso ha un'efficacia che prescinde dalle spiegazioni verbali perché la ricostruzione del mondo esterno e interno di Amélie avviene attraverso visi, vie, case, oggetti e disegni che sono quelli che ogni giorno contaminano la vita della giovane eroina.

Il favoloso album di Amélie Poulain
200 pag., Euro 18.60 - Edizioni Mondadori
ISBN 88-04-50673-3

Le prime righe

Le più belle foto
dell'infanzia di Amelie



© 2002 Mondadori


Di Grazia Casagrande
e Giulia Mozzato


29 marzo 2002