CRITICA LETTERARIA - NARRATIVA ITALIANA - NARRATIVA STRANIERA - SAGGI
CRITICA LETTERARIA
Luigi Baldacci
Trasferte
Narratori stranieri del Novecento

Dal capitolo Sartre a proposito di Parole: ... resta il fatto che il libro è bello anche quando lo si consideri in sé e per sé, come storia di una scoperta del mondo e di un'educazione: attraverso le quali si aprono spiragli profondi sulla struttura borghese formata di persone per bene (sia detto senza ironia) che credevano nel genio di Victor Hugo e nella missione della Francia..."

Sven Lindqvist
Nei deserti

"Un uomo che ha ansimato per tutta la vita tira il suo primo respiro profondo. Dopo una vita di sbuffi, come la chiama lui, finalmente beve, con lentezza e godimento, un grosso bicchiere di aria fresca."


NARRATIVA ITALIANA
Matteo Galiazzo
Il mondo è posteggiato in discesa

"Stanko Vituperovic arrivò a Genova chiuso dentro un container. Gli alieni invece arrivarono a Genova a bordo di una spettacolare caduta interpretata dalla loro astronave trasparente."

Laura Pariani
Quando Dio ballava il tango

"Forse è vero che non so niente di Dio. L'immagine che ne ho è così vaga: risale ancora alla mia infanzia, quei primi anni terribili di obitori e cimiteri. Da allora per me Dio, il tempo, la morte, si identificano in un medesimo doloroso mistero."

NARRATIVA STRANIERA
José Latour
Embargo

"I tre uomini sorrisero, ma per motivi diversi. Landa provava la gioia dello scolaretto di prima elementare a cui hanno accarezzato la testa perché ha dato la risposta giusta. Arenas vedeva avvicinarsi parecchie centinaia di migliaia di dollari. Torres si godeva un'altra delle sue superbe esibizioni istrioniche."
Anne Rice
Memnoch il diavolo

"Il punto essenziale, mentre ci addentriamo insieme in questa storia, è che mi sono prefissato il compito di diventare un eroe in questo mondo. Cerco si rimanere moralmente complesso, spiritualmente saldo ed esteticamente attuale: un essere dotato d'intuito e di forte impatto, un tizio che ha qualcosa da dire."

SAGGI

Jonathan Glover
Humanity

"L'uso di mezzi di distruzione di massa è un delitto contro Dio e contro l'uomo, e resta un delitto anche se tali mezzi vengono impiegati per rappresaglia o per quello che si giudica essere un fine moralmente giustificato. È proibito fare del male credendo che da esso scaturisca un bene."
Denis Geraghty



Sabriye Tenberken
La mia strada porta in Tibet

"Credo che non riescano a immaginare che un cieco riesca ad affrontare da solo un simile lavoro".
Ero delusa, ma non mi volli lasciare scoraggiare. Forse c'era una strada per riuscire a superare anche questi ostacoli.


22 marzo 2002