foto Effigie





Cesare Romiti

Tanti saggi, ma anche qualche libro d'evasione: la lettura, come la vita, richiede impegno e fatica. Questa è l'opinione di una delle più autorevoli figure dell'economia italiana.


Qual è il libro che consiglia agli amici più spesso?

S icuramente il libro di Stajano, Un eroe borghese, a tutti dico: leggetelo, riuscirete a capire com'è questo Paese, com'è il mondo, e che cosa c'è in giro.

Quali sono stati i primi libri che ha letto?

D a ragazzo i miei autori preferiti erano quelli che non legge più nessuno: Salgari soprattutto. E poi i romanzi Hemingway

Che cosa ha letto recentemente che le sia rimasto particolarmente impresso?

A l di fuori della saggistica, il libro più bello degli ultimi tre anni è stato sicuramente Le braci di Marai. Una lettura per me indimenticabile.

Legge prevalentemente saggistica. Può citarci qualche autore che le sia sembrato stimolante?

D i saggisti ne potrei citare moltissimi, prima di tutto Eric Hobsbawm, ma potrei fare molti altri nomi. Io poi leggo moltissimo, purtroppo prevalentemente di economia...

Ha letto per caso i libri di Jeremy Rifkin, in particolare il recente L'era dell'accesso?

L ui è molto abile, non condivido quasi mai le sue idee, ma L'era dell'accesso è un libro che va sicuramente letto.

Qual è il libro che considera più divertente, tra quelli letti?

C e ne sono tanti. I classici dell'umorismo, Wodehouse, Campanile: tutti autori della mia giovinezza. Libri che non so quanti oggi leggano ancora...

E il libro che non potrà mai dimenticare?

I o non dimentico mai i libri che leggo, ne sono anzi particolarmente geloso. Guai se qualcuno me ne chiede uno in prestito! Preferisco andare a comprarne una copia e regalargliela.

Secondo lei perché i ragazzi leggono poco?

L eggono poco i libri, ma poco anche i giornali o le riviste. Purtroppo i giovani sono travolti oggi dall'eccesso di comodità che li circonda. Guardare la televisione richiede meno fatica del leggere, così come attaccarsi alle orecchie un walkman o una radio non richiede impegno. E invece i ragazzi dovrebbero capire che per fare qualcosa di utile o di interessante ci vuole sempre fatica.

Di Grazia Casagrande


15 settembre 2000