La biografia
La bibliografia


Michael Crichton
Timeline

"Chris non riusciva a vedere granché. Stava in sella a malapena e riusciva a cogliere solo immagini vaghe e sfuocate dalle tribune ai lati e del cavaliere che gli veniva incontro."


Leggere più di seicentosettanta pagine può spesso apparire un'impresa, eppure sono numerosi i lettori che dichiarano di aver "divorato" quest'ultimo libro di Crichton in non più di due giorni, merito dell'affascinante argomento, merito dell'abilità narrativa dell'autore.
Un romanzo che, si può davvero dire, è già un film: grandi scene corali, primi piani dei protagonisti, azione e tensione che incollano alla pagina (stavo per dire allo schermo) il lettore, passato e futuro che si intersecano in un abile gioco di rimandi, monaci e scienziati, dame e cavalieri a banchetto con "inviati speciali" di un'industria all'avanguardia nella ricerca tecnologica: tutto ciò in Timeline, fantascienza e fantasy, giallo e avventura in un romanzo destinato al successo.
Crichton è davvero un gran ricercatore, ogni suo romanzo mostra una precisione impeccabile nella ricostruzione delle situazioni narrate, ma di certo quest'ultima fatica ha richiesto al suo autore uno sforzo particolare. Se ogni scrittore di opere di fantascienza non può ignorare le più importanti nozioni della fisica, qui è stata necessaria una buona conoscenza anche delle tecniche di indagine archeologica, di storia del costume e, in modo particolarmente approfondito, di storia medioevale. La seconda parte infatti di Timeline è quasi interamente ambientata nel 1357, nella Francia che attraversa la travagliata Guerra dei Cent'anni nella quale giungono, grazie a una particolare "macchina del tempo", alcuni ricercatori inviati a recuperare "il Professore" che aveva avuto l'imprudenza di allontanarsi dalla macchina che lo aveva trasportato in pieno Medio Evo. Quando i giovani scienziati piombano nel lontano passato sono immediatamente immersi nell'atmosfera del tempo: fughe, inseguimenti, fitte boscaglie, dirupi, soldati pronti a uccidere ogni eventuale nemico, castelli e duelli. Se erano stati selezionati per quel particolare viaggio, grazie anche alle loro conoscenze storiche e linguistiche, ben diverso era il ritrovarsi davvero in quell'epoca studiata sui testi. E in questo Crichton è davvero abile nel farci capire come qualsiasi cultura che non derivi dall'esperienza diretta sia, nei fatti, inadeguata. Vengono compiuti molti errori di comportamento, alcuni piuttosto ingenui (definirsi "gentile", o raccogliere il "guanto della sfida"), altri inevitabili per un uomo d'oggi, così la vicenda diventa sempre più intricata. Ottima la ricostruzione della vita del castello, del banchetto e dell'atmosfera rozza e ricca nello stesso tempo, attento lo studio della corte medievale, spesso troppo idealizzata dai moderni e che invece, giustamente, viene descritta come ben lontana dalla raffinatezza dei poemi trobadorici.
Varie avventure permettono di ritrovare il Professore e infine di riportarlo al presente insieme ai ricercatori (uno, troppo appassionato di storia medievale, sceglie di restare là).
"In altri secoli, gli esseri umani aspiravano alla redenzione o a un miglioramento, alla libertà o all'istruzione. Nel nostro secolo, invece, ci si vuole soltanto divertire. Non abbiamo tanto paura della malattia o della morte, quanto della noia, della sensazione di non saper cosa fare del nostro tempo, della sensazione di non divertirci.": questo fa dire Crichton a un suo personaggio, a questo bisogno cerca di assolvere scrivendo, ed è innegabile che ci riesca pienamente.



Timeline di Michael Crichton
Traduzione di Paola Bertante e Gianni Pannofino
Pag. 679, Lire 35.000 - Edizioni Garzanti
ISBN 88-11-66036-X

Di Grazia Casagrande



le prime pagine
------------------------
 


Non avrebbe dovuto prendere quella scorciatoia.
Dan Baker sobbalzò, quando la sua nuova berlina Mercedes S500 imboccò lo sterrato, per inoltrarsi nella riserva navajo dell'Arizona settentrionale. Intorno a loro, il paesaggio si faceva sempre più desolato: a est, in lontananza, le mesas rosse; a ovest, deserto piatto a perdita d'occhio. Avevano superato l'ultimo villaggio mezz'ora prima - case polverose, una chiesa e una piccola scuola rannicchiate contro una rupe - dopodiché non avevano incontrato più nulla, neppure un cespuglio. Nient'altro che il vuoto deserto rosso. Da almeno un'ora non incrociavano automobili. Era mezzogiorno, e il sole accecava. Baker, un imprenditore edile quarantenne di Phoenix, cominciava a sentirsi a disagio. Tanto più che sua moglie, un'architetta, era una di quelle artiste con poca pratica di benzina e radiatori. Il serbatoio era a metà, ma il motore dava segni di surriscaldamento.
"Liz", disse, "sei sicura che sia questa la strada?".
Seduta al suo fianco, la moglie era chinata su una cartina stradale e con un dito seguiva la linea di una strada. "Deve essere questa", rispose lei. "La guida diceva: 'A quattro miglia dal bivio per Corazón Canyon'".
"Ma la svolta per Corazón Canyon l'abbiamo superata venti minuti fa. Forse, siamo andati troppo oltre".
"Non possiamo aver superato un chiosco senza accorgercene".
"Lo so". Baker fissava la strada deserta davanti a sé. "Qui, però, non c'è niente. Sei proprio decisa a proseguire? Insomma, si trovano degli splendidi zerbini navajo anche a Sedona. Ce n'è di tutti i tipi, a Sedona, di zerbini".
"Quelli di Sedona", piagnucolò Liz, "non sono autentici".
"Ma sì che sono autentici, cara. Uno zerbino è uno zerbino".
"Io voglio un tappeto intessuto a mano".
"Okay". Sospirò. "Ma è la stessa cosa".
"Non è affatto la stessa cosa", precisò lei. "A Sedona si trovano soltanto schifezze per turisti: è roba acrilica, non di lana. Io, invece, voglio i tappeti che si vendono alla riserva. Inoltre, il chiosco che stiamo cercando dovrebbe avere un vecchio tappeto dipinto con sabbie colorate, negli anni Venti, da Hosteen Klah. E voglio anche quello".
"Okay, Liz". Baker, a dire il vero, non capiva che bisogno ci fosse di comprare un altro zerbino - o tappeto - navajo. Ne avevano già una trentina. Erano sparsi in tutta la casa, per non parlare di quelli chiusi negli armadi. Procedettero in silenzio. La strada, in lontananza, luccicava nella canicola come un lago d'argento. Di tanto in tanto, pareva di scorgere case o sagome di persone, ma proseguendo si scopriva immancabilmente che non c'era nulla e nessuno, che si era trattato di miraggi.


© 2000, Garzanti Libri

biografia dell'autore
------------------------

Michael Crichton è nato a Chicago nel 1942. Si è laureato alla Harvard University. A ventitré anni è diventato lettore di antropologia a Cambridge. Tornato negli Stati Uniti si è laureato in medicina alla Harvard Medical School nel 1969. Ha iniziato nel frattempo a scrivere sotto pseudonimo. Dopo il grande successo delle prime opere si è dedicato interamente alla professione di scrittore.


bibliografia
------------------------

I titoli sono tratti da
Alice CD,
il catalogo su CD-ROM
dei libri italiani
pubblicato da
Informazioni Editoriali.


Crichton Michael, 1855. La grande rapina al treno, 376 p., Lit. 18500, "Narrativa e letture", Garzanti Scuola

Crichton Michael, Andromeda, tr. di Mantovani V., 1998, 338 p., Lit. 15000, "Teadue" n. 575, TEA (ISBN: 88-7818-266-4)

Crichton Michael, Andromeda, tr. di Mantovani V., 1992, 344 p., Lit. 20000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66713-5)

Crichton Michael, Casi di emergenza, tr. di Marenco M. T., 1999, 222 p., Lit. 14000, "Teadue" n. 703, TEA (ISBN: 88-7818-535-3)

Crichton Michael, Casi di emergenza, a cura di Marenco M. T., 1995, 224 p., Lit. 18000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66742-9)

Crichton Michael, Congo, tr. di Capriolo E., 1997, 384 p., Lit. 6500, "Superpocket" n. 4, RL Libri (ISBN: 88-462-0003-9)

Crichton Michael, Congo, tr. di Capriolo E., 1985, 372 p., Lit. 19000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66690-2)

Crichton Michael, Congo, tr. di Capriolo E., 1997, 269 p., Lit. 15000, "Teadue" n. 556, TEA (ISBN: 88-7818-244-3)

Crichton Michael, Congo, a cura di Saraval L., 340 p., Lit. 18000, "Narrativa e letture", Garzanti Scuola

Crichton Michael, La grande rapina al treno, tr. di Capriolo E., 1999, 230 p., Lit. 14000, "Teadue" n. 463, TEA (ISBN: 88-7818-645-7)

Crichton Michael, La grande rapina al treno, tr. di Capriolo E., 1995, 238 p., Lit. 16000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66724-0)

Crichton Michael, In caso di necessità tr. di Selvatico Estense D., 1994, 318 p., Lit. 20000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66736-4)

Crichton Michael, Jurassic park, tr. di Marenco M. T. e Pagnes A., 1999, 500 p., Lit. 7900, "Superpocket" n. 84, RL Libri (ISBN: 88-462-0097-7)

Crichton Michael, Jurassic park, tr. di Marenco M. T. e Pagues A., 1998, 485 p., Lit. 15000, "Teadue" n. 625, TEA (ISBN: 88-7818-439-X)

Crichton Michael, Jurassic park, tr. di Marenco M. T. e Pagnes A., 1995, 488 p., Lit. 16000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66743-7)

Crichton Michael, Jurassic park, a cura di Saraval L., 408 p., Lit. 18500, "Narrativa e letture", Garzanti Scuola

Crichton Michael, Mangiatori di morte, tr. di Capriolo E., 1994, 176 p., Lit. 16000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66734-8)

Crichton Michael, Mangiatori di morte, tr. di Capriolo E., 1977, 176 p., Lit. 24000, "Narratori moderni", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66100-5)

Crichton Michael, Mangiatori di morte, tr. di Capriolo E., 1998, 173 p., Lit. 14000, "Teadue" n. 664, TEA (ISBN: 88-7818-425-X)

Crichton Michael, Il mondo perduto, tr. di Marenco M. T., 1996, 448 p., ill., Lit. 32000, "Narratori moderni", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66096-3)

Crichton Michael, Il mondo perduto, 450 p., Lit. 18000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66843-3)

Crichton Michael, Punto critico, tr. di Bertante P., 1997, 448 p., Lit. 32000, "Narratori moderni", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66095-5)

Crichton Michael, Punto critico, tr. di Bertante P., 1999, 454 p., Lit. 16000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66911-1)

Crichton Michael, Rivelazioni, tr. di Marenco M. T., 1996, 464 p., Lit. 16000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66746-1)

Crichton Michael, Rivelazioni, tr. di Marenco M. T., 1994, 464 p., Lit. 34000, "Narratori moderni", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66097-1)

Crichton Michael, Rivelazioni, tr. di Marenco M. T., 1998, 460 p., Lit. 6900, "Superpocket" n. 52, RL Libri (ISBN: 88-462-0061-6)

Crichton Michael, Sfera, tr. di Capriolo E., 1991, 382 p., Lit. 18000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66860-3)

Crichton Michael, Sfera, tr. di Capriolo E., 1987, 384 p., Lit. 28000, "Narratori moderni", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66099-8)

Crichton Michael, Sol Levante, tr. di Marenco M. T., 1997, 405 p., Lit. 15000, "Teadue" n. 535, TEA (ISBN: 88-7818-143-9)

Crichton Michael, Il terminale uomo, tr. di Capriolo E., 5 ed., 1999, 288 p., Lit. 18000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66894-8)

Crichton Michael, Timeline, tr. di Bertante P. e Pannofino G., 2000, 680 p., Lit. 35000, "Narratori moderni", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66036-X)

Crichton Michael - Martin Ann M., Tornado-Twister. La sceneggiatura originale, tr. di Bertante P., 1996, 206 p., Lit. 18000, "Gli elefanti", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66769-0)

Crichton Michael, Viaggi, tr. di Ranchetti C., 1989, 448 p., Lit. 30000, "Narratori moderni", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-66101-3)

Crichton Michael, Viaggi, tr. di Ranchetti C., 2000, 442 p., Lit. 15000, "Teadue" n. 828, TEA (ISBN: 88-7818-833-6)

Crichton Michael, La vita elettronica, tr. di Marenco M. T., 1984, 292 p., Lit. 26000, "Memorie documenti biografie", Garzanti Libri (ISBN: 88-11-73966-7)



16 giugno 2000