Rita dalla Chiesa


Qual è il primo libro che ricorda aver letto con passione da bambina?
D a bambina, sarà banale, Il piccolo principe, anche se la rilettura è stata fatta da adulta. Io amo molto le poesia, Tagore, Hikmet, sono i due libri che ho sul comodino.
Sono i suoi libri del cuore?
L e poesie di Hikmet sono proprio il mio libro del cuore e poi c'è anche Il manuale del guerriero della luce di Paulo Coelho.
Compro più libri di quanti ne riesca a leggere, molti li metto da parte per leggerli in vacanza e poi però regolarmente ne compro altri e così si accumulano i libri non letti...
Quali libri consiglierebbe a un ragazzo che non ami la lettura, per invogliarlo a leggere?
D ue libri, che ho regalato io stessa a dei ragazzi, figli adolescenti di amici: Il delfino e L'onda perfetta di Sergio Bambaren. Sono metafore sulla vita, ed è impossibile che non piacciano ai ragazzi. In questi libri si insegna ad aspettare "l'onda perfetta" da cavalcare per arrivare dove si vuole nella vita. Sono due libri sulla speranza.
Un libro che lei non ha proprio amato?
Va' dove di porta il cuore di Susanna Tamaro.
Quali autori italiani ama di più?
Baricco, Camilleri mi diverte molto, amo moltissimo i libri di Patrizia Carrano. Mi piace Elsa Morante, Dacia Maraini. Cito molte donne, ma non è una scelta femminista, il fatto è che probabilmente hanno una sensibilità vicina alla mia, scrivono le cose che sento anch'io.
Gli ultimi libri che ha comprato?
H o appena comprato, ma non l'ho ancora letto, Le ragazze di cinquant'anni, Ti prendo e ti porto via di Niccolò Ammaniti. Un libro che sembra scemo, ma che in realtà non lo è e che sta appassionando uomini e donne che conosco e si chiama Che stronzo! di Silvio Lenares. Un libro-verità sull'uomo italiano, ed è strano perché è un uomo che scrive di uomini e spiega tutti i meccanismi che scattano in un uomo quando vuole essere "stronzo" con una donna. C'è lo "stronzo ritardato", quello che "viene sempre a galla", è scritto in modo divertente e anche dissacrante, ma è molto vero e, bene o male, vi si può trovare il prototipo dell'uomo che abbiamo vicino, sono tutti lì! Leggo un po' di tutto.
Diceva che ama molto gli autori di lingua spagnola.
S ì, moltissimo. Più di tutti Paulo Coelho, così come amo i film spagnoli, i film latino-americani. Amo molto anche la Allende. L'ultimo che ho letto (ma so che ne è uscito un altro) è Afrodita, che mi ha deluso un po', è uno scherzo sulla cucina e l'amore, c'erano delle verità anche in quello, ma meno intense, meno forti... Passo molto tempo in libreria, è il negozio che frequento di più: se devo scegliere vado o in libreria e nei negozi di dischi.
Quale libro ha letto di più a sua figlia quando era piccola?
Il piccolo principe, prima di tutto e poi tutte le favole, le favole persiane, quelle francesi. Molte però le inventavo io stessa...

A cura di Grazia Casagrande


17 dicembre 1999