Ricerca avanzata

Recensioni


    • Lacrime di sale. La mia storia quotidiana di medico di Lampedusa fra dolore e speranza di Bartolo Pietro e Tilotta Lidia


      Questo è uno di quei libri che non vorresti mai finire tante sono le storie raccontate. Sì perchè i telegiornali ti fanno vedere gli sbarchi, inquadrano volti sofferenti, purtroppo spesso i giornalisti raccontano di rivolte dentro i centri di accoglienza, ma pochi sanno che storie ci siano dietro quei volti sofferenti oppure il vero motivo della rivolta. Le storie raccontate sono vere e spesso stentavo a credere a ciò che stavo leggendo. So che purtroppo tante donne, o durante la traversata, o in Libia vengono violentate, ma quando arrivi a leggere di tali violenze, subite soprattutto da ragazzine, i tuoi occhi si chiudono e non vogliono più continuare a leggere. Poi ci sono i tanti minorenni non accompagnati, bimbi piccoli che sono rimasti orfani in quanto la mamma è morta durante la traversata oppure bambini che hanno visto la loro famiglia morire annegata. Per loro, che potrebbero essere adottati, le pratiche burocratiche sono lunghissime. Prima di tutto si parla di affidamento in quanto le autorità competenti devono verificare che siano veramente orfani, che non sia rimasto in vita nessun membro della loro famiglia e, per fare questo, si devono rivolgere alle autorità del loro paese di origine. Il che non è affatto semplice e con tempi poi lunghissimi. Una volta accertato che sono veramente soli, allora si può parlare di adozione. Inizi allora a capire che l'intento di questo medico è quello di raccontare storie, storie che si celano dietro a volti sconosciuti e spesso, purtroppo, queste storie sono tutte accomunate da un unico denominatore: la violenza subita. Ci sono però anche tante storie a lieto fine, storie di bambini che sono riusciti a ricongiungersi con i loro genitori, oppure di famiglie che si sono ritrovate. Anche in questo caso è sempre bene ricordare che, nel Mediterraneo non ci sono solo navi italiane, ma anche navi di altri stati e può capitare che, in caso di naufragio il capofamiglia venga soccorso da una nave italiana ed i suoi figli da una nave greca per esempio e che vengono poi portati in centri di accoglienza diversi. Non è semplice poi cercare di riunire tutti però. Altra notizia che si apprende dal libro è che a Lampedusa non esiste un pronto soccorso, bensì un poliambulatorio che deve provvedere a curare i lampedusani e gli immigrati. Quello che emerge è un quadro a dir poco irreale. Gli immigrati che vengono visitati sul molo e poi con gli elicotteri vengono trasportati negli ospedali di Palermo. L'intento di questo medico è quello di creare un ospedale umanitario a Lampedusa e sono più che certa che ci riuscirà. In Lacrime di sale traspare tutta la forza e l'umanità di quest'isola che non si è mai tirata indietro nonostante le innumerevoli difficoltà.



      Scritto da Streghetta, domenica 23 ottobre 2016

      Piace a 1 utente della community

        Segnala abuso
Già iscritto?
Iscriviti